CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 494/A

INTERROGAZIONE COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sulla grave carenza di personale presso l'Unità operativa di radiologia dell'ospedale Antonio Segni di Ozieri - ASL di Sassari, a seguito delle disposizioni alle aziende sanitarie in materia di contenimento della spesa per il personale, di cui alla deliberazione n. 43/9 del 1° settembre 2015.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- sono stati praticamente cancellati dalla dotazione, senza alcuna valida giustificazione, 2 posti di tecnici sanitari di radiologia medica (TSRM), dei quali uno, inspiegabilmente, munito addirittura di regolare autorizzazione all'assunzione, da parte della Direzione;
- il ritardo nell'attivazione delle procedure di assunzione dei TSRM dalla graduatoria di Olbia, peraltro limitata, a fronte di una perdita di 3 unità, all'assunzione di una sola unità, ha determinato una grave carenza di personale presso l'unità operativa di radiologia dell'ospedale Antonio Segni di Ozieri - ASL di Sassari;
- con la deliberazione n. 43/9 del 1° settembre 2015, la Giunta regionale ha dato avvio a una drastica riduzione delle assunzioni per il personale dipendente, attraverso il blocco parziale del turnover del personale dirigente dipendente, dipendente o con altro rapporto di lavoro, il blocco totale del turnover del personale amministrativo e tecnico, il divieto di acquisizioni di personale tramite mobilità in entrata nell'ambito del comparto sanità e, altresì, il blocco di tutte quelle tipologie di reclutamento ex novo di personale che comportino un incremento di spesa a carico del SSR;

considerato che:
- le limitazioni della sopracitata deliberazione sono previste nelle more della conclusione dei processi di riorganizzazione e riordino del servizio sanitario regionale di cui alla legge regionale del 17 novembre 2014, n. 23;
- la carenza di personale presso l'unità operativa di radiologia (radiologia convenzionale, Tac, ecografia e risonanza magnetica) dell'ospedale Antonio Segni di Ozieri non permette di garantire un'adeguata continuità assistenziale ai pazienti in cura, oltre che alle necessarie condizioni di sicurezza per le urgenze radiologiche, situazione destinata ad aggravarsi alla scadenza del contratto di 2 dirigenti medici al 31 dicembre 2015;
- il perdurare di tali condizioni di carenza di personale renderà inevitabile la riduzione dell'attività radiologica attraverso la chiusura alternata, nell'arco della settimana, delle sezioni di senologia, Tac e risonanza magnetica;

valutata:
- la grave situazione di disagio dei pazienti, derivante dalla rimodulazione dei turni di servizio e, soprattutto, dall'impossibilità dell'unità operativa di mantenere gli impegni assunti all'atto delle prenotazioni dirette o mediante CUP;
- la necessità di dover garantire un tempestivo intervento in sicurezza per le situazioni di urgenza radiologica,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere se:
1) sia ammissibile una dotazione organica di soli 8 TSRM e di 7 dirigenti medici in una struttura come quella di Ozieri, dove vengono svolte le seguenti attività:
a) radiologia convenzionale;
b) tomografia computerizzata;
c) ecotomografia;
d) senologia;
e) risonanza magnetica con apparecchio da 1,5 TESLA e, in presenza dell'unico reparto di Neurologia dell'Asl 1;
f) radiologia interventistica (è divenuto il centro di riferimento di vertebroplastica del Nord Sardegna);
2) sia opportuna una seria rivalutazione dell'organico tecnico e medico basato sull'effettivo fabbisogno assistenziale e non su valutazioni esclusivamente contabili e di bilancio, peraltro probabilmente errate e/o non documentate;
3) sia opportuna un'autorizzazione in deroga ai vincoli di cui alla deliberazione n. 43/9 del 1° settembre 2015, per procedere alla chiamata immediata di 3 TSRM e per indire, nel più breve tempo possibile, il bando di mobilità per la copertura di n° 3 posti di dirigente medico di radiodiagnostica.

Cagliari, 9 settembre 2015