CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 516/A

INTERROGAZIONE TEDDE, con richiesta di risposta scritta, sulla mancanza di interventi di manutenzione straordinaria e riparazione del manto stradale del molo Lo Frasso presso il porto di Alghero.

***************

Il sottoscritto,

premesso che, all'inizio dello scorso mese di luglio l'Uffìcio circondariale marittimo di Alghero informava l'Assessorato regionale competente in materia di demanio e patrimonio del cedimento di una porzione di manto stradale in prossimità del molo Lo Frasso, presso il porto di Alghero, in corrispondenza di una concessione demaniale marittima, e dell'urgenza di disporre un intervento di riparazione del tratto di strada danneggiato che veniva temporaneamente transennato a salvaguardia dell'incolumità pubblica;

considerato che, sempre nel luglio scorso, a seguito di sopralluogo, la Regione pare avesse concordato con il Comune di Alghero i termini relativi all'avvio dei lavori di manutenzione del manto stradale in prossimità del molo Lo Frasso;

premesso altresì che, dopo circa due mesi dalla segnalazione, l'Autorità marittima di Alghero sollecitava il Servizio demanio e patrimonio e autonomie locali di Sassari dell'Assessorato regionale degli enti locali, finanze e urbanistica affinché ripristinasse il manto stradale danneggiato, evidenziando l'alta pericolosità del sito per l'elevato numero di persone che nel periodo estivo frequentano e transitano in area portuale;

rilevato che, stante l'inerzia della Regione e del Comune di Alghero e della necessità di scongiurare possibili incidenti che potessero mettere a repentaglio l'incolumità delle persone a metà del corrente mese di settembre, l'Ufficio circondariale marittimo di Alghero emanava un'ordinanza d'interdizione di accesso e transito presso la porzione di area portuale interessata dal cedimento;

osservato che dopo circa due mesi e mezzo dalla prima segnalazione l'Autorità marittima di Alghero chiedeva un sopralluogo ai vigili del fuoco e contestualmente sollecitava nuovamente la Regione a intervenire ribadendo l'urgenza e la necessità d'individuare le cause del danno;

preso atto che, in data 17 settembre 2015, una turista di 75 anni originaria di Rieti rimaneva vittima di un grave incidente occorso mentre transitava sulla banchina del porto di Alghero, causato da una buca presente sul manto stradale del molo e che solo il tempestivo soccorso di un cittadino, lì presente al momento dell'incidente, evitava che l'episodio si concludesse con conseguenze tragiche e definitive;

preso atto, altresì, che l'anziana turista a seguito dell'incidente riportava gravi lesioni tali da richiederne il ricovero in rianimazione dove veniva tenuta in coma farmacologico;

evidenziato che le condizioni delle infrastrutture primarie del porto di Alghero destano particolare preoccupazione non solo alla luce del recente grave incidente occorso in area portuale, ma anche in relazione alle ripetute segnalazioni formulate dall'Autorità marittima di Alghero, puntualmente e inspiegabilmente ignorate dal Regione;

evidenziate, altresì, le gravissime responsabilità che incombono in capo alla Regione e al Comune di Alghero per l'incolumità delle persone, adulti, anziani e bambini, le cui presenze e transiti aumentano notevolmente durante la stagione estiva, anche per la presenza in area portuale di un noto parco divertimenti autorizzato dalla Regione;

considerato che la mancanza di interventi di manutenzione straordinaria fa il paio con le indecorose condizioni igienico-sanitarie in cui versa l'intera area portuale, le cui responsabilità sono state di recente oggetto di una interrogazione sul defatigatorio e imbarazzante rimpallo di responsabilità tra Regione e Comune di Alghero, certificando lo stato di abbandono del porto turistico di Alghero, una delle più grandi e incantevoli strutture da diporto del Mediterraneo;

rilevato infine che, a oggi, nessun intervento di ripristino è stato effettuato nonostante le segnalazioni, i solleciti e il grave incidente occorso poco tempo fa,

chiede di interrogare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale degli enti locali, finanze e urbanistica e il dirigente regionale in materia di demanio e patrimonio per conoscere:
1) quali siano le iniziative che l'Assessorato del demanio patrimonio della Regione intende intraprendere al fine di fare in modo che il Comune di Alghero avvii i lavori concordati nel luglio scorso, oggetto di ripetute segnalazioni e i solleciti dell'Ufficio circondariale marittimo di Alghero circa il cedimento del manto stradale del molo Lo Frasso presso il porto di Alghero, ancora oggi in condizioni preoccupanti;
2) quali siano le cause che da tempo stanno determinando le lesioni e il danneggiamento in diversi punti del manto stradale che insiste presso l'area portuale di Alghero;
3) quali siano le iniziative ed i rimedi che l'Amministrazione regionale intende porre in essere per mettere in sicurezza e rendere completamente fruibile una delle strutture diportistiche più frequentate e rinomate del Mediterraneo, le cui presenze aumentano notevolmente specie nel corso della stagione estiva.

Cagliari, 24 settembre 2015