CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 526/A

INTERROGAZIONE TOCCO, con richiesta di risposta scritta, in merito al futuro della reggia nuragica di "Barru", nel territorio ricompreso tra i comuni di Guasila e Guamaggiore.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- nella localitą denominata "Barru", ai confini tra il comune di Guasila e quello di Guamaggiore, č stato rinvenuto un sito nuragico di rilevante importanza;
- la prima campagna di scavi č iniziata nel 2006, a seguito di un progetto nato nel 2002, su iniziativa del Comune di Guamaggiore e finanziato, poi, dalla Regione con fondi PIA CA10-NU15 "Consorzio dei laghi e turismo fluviale";
- con il primo finanziamento sono stati realizzati i primi scavi archeologici sulla parte di monumento ricadente all'interno del territorio comunale di Guamaggiore, il parco č stato attrezzato per la fruizione del sito da parte dei turisti, recintato nelle aree acquisite dal Comune di Guamaggiore e costruito un centro servizi;
- la prima campagna scavi č stata ultimata nel mese di novembre del 2009 per l'esaurimento dei fondi a disposizione, portando comunque alla luce un monumento molto interessante sotto il profilo scientifico, costituito da un nuraghe polilobato, dotato di mastio centrale e cinque torri laterali, situato sulla sommitą della collina con annesso villaggio sul versante est;
- la struttura e le dimensioni imponenti del complesso nuragico sono paragonabili a "Su Nuraxi" di Barumini, ma la particolaritą, di notevole interesse scientifico, č data dal villaggio;
- nel 2012, a seguito del decreto del Presidente della Regione n. 122 del 30 settembre 2012, č stato approvato il V atto aggiuntivo della PIA CA10-NU15 "Consorzio dei laghi e turismo fluviale", contenente un ulteriore programma di finanziamenti per la campagna di scavi della reggia nuragica di "Barru";
- nell'anno 2014, sono state avviate le procedure per l'apertura della seconda campagna di scavi che hanno consentito un importante progresso sulla scoperta del nuraghe di "Barru", mettendo alla luce un'opera di straordinaria importanza;
- i lavori della seconda campagna di scavi volgono oramai al termine e le risorse finora stanziate non hanno consentito il completamento dei lavori e, soprattutto, la consegna del sito ai visitatori;
- un'eventuale sospensione degli scavi, in attesa di ulteriori finanziamenti, comporterebbe un abbandono temporaneo del sito, con notevole pericolo di furti e danneggiamenti;

constatato che, come gią affermato nelle premesse e come ben visibile nel sito, il nuraghe di "Barru" ha confermato tutte le positive aspettative degli esperti della Sovraintendenza dei beni culturali, giustificando a pieno titolo la denominazione di "Reggia";

accertato che, oltre alla naturale valenza scientifica e storica, la scoperta del nuraghe e la sua consegna ai visitatori aprirebbe per i comuni di Guasila e Guamaggiore importantissimi scenari di economia basata sul turismo archeologico;

ritenuto necessario sostenere quanto di positivo sta nascendo dalla scoperta della reggia nuragica di "Barru" attraverso la previsione di ulteriori risorse economiche per il completamento degli scavi, per la consegna del sito ai visitatori e per la promozione del territorio della Trexenta, in particolar modo dei comuni di Guasila e Guamaggiore, interessati dalla presenza del nuraghe,

chiede di interrogare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport e l'Assessore regionale del turismo, artigianato e commercio per conoscere:
1) quali iniziative e interventi intendano programmare per completare la campagna degli scavi e apertura del sito ai visitatori;
2) se sono state programmate ulteriori risorse economiche per il completamento degli scavi archeologici , l'ammontare delle stesse e la tempistica per l'erogazione dei fondi;
3) quali iniziative e interventi intendano programmare per sostenere il rilancio economico, legato al turismo, della zona interessata agli scavi, dei Comuni di Guasila e Guamaggiore, fortemente colpiti dalla "depressione economica" di questi ultimi anni;
4) quali iniziative intendano mettere in atto per la promozione delle aree geografiche interne, nel caso la Trexenta.

Cagliari, 1° ottobre 2015