CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 540/A

INTERROGAZIONE TENDAS Mario - SOLINAS Antonio - CHERCHI Augusto, con richiesta di risposta scritta, in merito all'istituzione dei Centri provinciali istruzione adulti (CPIA). Integrazione al piano di dimensionamento scolastico regionale, a.s. 2015-2016.

***************

I sottoscritti,

dato atto che i Centri provinciali istruzione adulti (CPIA), istituiti dall'articolo 1, comma 632, della legge n. 296 del 2006 e regolati dal decreto ministeriale 25 ottobre 2007, sono costituiti in autonomie scolastiche e sono caratterizzati da una rete territoriale provinciale che discende dalla riorganizzazione dei Centri territoriali permanenti (CTP) per l'educazione degli adulti e dei percorsi di secondo livello (corsi serali) in reti territoriali provinciali;

vista:
- la deliberazione n. 48/24 del 2 dicembre 2014, con la quale la Giunta regionale ha approvato il Piano di dimensionamento delle istituzioni scolastiche e di ridefinizione della rete scolastica e dell'offerta formativa per l'anno scolastico 2015-2016 e le linee guida a esse allegate;
- la deliberazione n. 5/26 del 6 febbraio 2015, con la quale la Giunta regionale ha approvato definitivamente il Piano di dimensionamento per l'anno scolastico 2015-2016;

dato atto che nella deliberazione sopracitata si fa presente che è rimandata a una successiva deliberazione la definizione dei Centri provinciali istruzione adulti (CPIA) in modo da poter operare un ulteriore approfondimento in sede di tavolo di confronto istituzionale;

preso atto che nella deliberazione preliminare adottata dalla Giunta regionale non appaiono chiari i criteri adottati per l'individuazione dei tre CPIA di Cagliari, Serramanna e Nuoro;

considerato che anche la Seconda Commissione consiliare, nella seduta svoltasi mercoledì 21 aprile u.s., ha evidenziato come detti criteri non solo non vengono opportunamente esplicitati, ma che gli stessi appaiono poco chiari;

considerato, altresì, che la Commissione, sempre nella seduta del 21 aprile, dopo attenta disamina, ha potuto verificare che il CPIA di Oristano sembra disporre di tutti i requisisti previsti dalle linee guida approvate definitivamente con deliberazione n. 5/26 del 6 febbraio 2015;

preso atto inoltre che il Centro territoriale permanente per l'istruzione degli adulti di Oristano opera dal 1997 e, dall'anno scolastico 2000/2001, risulta convenientemente ospitato dal liceo classico De Castro, sede in cui si svolgono regolarmente le lezioni, per 5 giorni la settimana, dalle ore 17:45 sino alle 21:30;

constatato che, nell'ambito delle attività del CPIA sono previsti:
1) corsi per il conseguimento della licenza media (150 ore);
2) corsi di italiano rivolti ai cittadini stranieri;
3) corsi tematici che spaziano dall'insegnamento dell'inglese, del teatro in italiano e in lingua sarda, corsi di informatica, oltre ad attività professionalizzanti utili ad acquisire nuove competenze per reinserirsi nel mondo del lavoro;

preso atto che in 15 anni di attività sono stati conferiti ben 631 diplomi di licenza media, di cui ben 80 nella casa circondariale (Detenzione comune e massima sicurezza) di Massama;

tenuto conto che, benché non si sia mai parlato di soppressione del PES, si creerebbero evidenti disagi determinati da un decentramento privo di collegamento continuo con gli uffici di segreteria e della dirigenza sia per il disbrigo delle pratiche ordinarie che per la gestione delle emergenza, molto frequenti data la tipologia di utenza, dislocata in tutta la provincia da Bosa ad Ales;

constatato che, di recente, con nota n. 17204/2015/area4 del 9 settembre 2015, la Prefettura di Oristano ha formalmente richiesto al Centro territoriale permanente di Oristano l'istituzione di corsi di formazione per ben 314 cittadini stranieri presenti, dislocati in 8 diversi comuni della Provincia, con lo scopo di favorire le migliori integrazioni e la partecipazione sociale attiva che andrebbero ad aggiungersi alle attività ordinarie,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere se non ritengano opportuno inserire nella deliberazione della Giunta regionale anche il Centro CPIA di Oristano fra quelli meritevoli di autonomia scolastica.

Cagliari, 15 ottobre 2015