CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 576/A

INTERROGAZIONE LEDDA - MANCA Piermario - CHERCHI Augusto - COZZOLINO - UNALI - TENDAS - ANEDDA - MELONI, con richiesta di risposta scritta, sulla palese illegittimità dell'Avviso pubblico per acquisizione di manifestazioni d'interesse per la nomina del direttore generale dell'Agenzia AGRIS.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- l'articolo 30 della legge regionale 8 agosto 2006, n. 13 (Riforma degli enti agricoli e riordino delle funzioni in agricoltura. Istituzione delle Agenzie AGRIS Sardegna, LAORE Sardegna e ARGEA Sardegna) disciplina le funzioni e la nomina del direttore generale;
- in particolare, al punto 4 dell'articolo 30, la legge regionale n. 13 del 2006 dispone che "Il direttore generale è scelto, con procedura ad evidenza pubblica, tra persone in possesso di comprovata esperienza e competenza che abbiano ricoperto, per almeno cinque anni, incarichi di responsabilità amministrativa, tecnica e gestionale in strutture pubbliche o private; per il direttore generale dell'Agenzia AGRIS Sardegna è richiesto il possesso di un'alta qualificazione scientifica e professionale nelle materie di competenza dell'Agenzia";
- l'articolo 28 della legge regionale 13 novembre 1998, n. 31 (Disciplina del personale regionale ed organizzazione degli uffici della Regione), al comma 2, dispone che "le funzioni di direttore generale e di ispettore sono conferite a dirigenti dell'amministrazione o degli enti con capacità adeguate alle funzioni da svolgere";
- nel precedente bando del 2014, l'acquisizione delle manifestazioni d'interesse per il medesimo incarico di Direttore generale dell'Agenzia Agris i requisiti richiesti erano quelli di aver svolto:
a) incarichi dirigenziali conferiti con provvedimento espresso presso l'Amministrazione regionale o presso enti e agenzie regionali;
b) incarichi dirigenziali conferiti con provvedimento espresso in sistemi organizzativi pubblici complessi di medie e grandi dimensioni;
c) inquadramento contrattuale con la qualifica di dirigente in sistemi organizzativi privati complessi di medie e grandi dimensioni;
- all'articolo 2 dell'avviso del 2015 e, precisamente, al punto 7), tra i requisiti di ammissione, per quanto riguarda l'alta qualificazione professionale, si afferma che tale requisito è riconosciuto sulla base della rilevanza delle esperienze maturate in qualità di dirigente, rendendo ulteriormente lo stesso avviso confuso, contraddittorio e quindi illegittimo;
- contrariamente a quanto disposto dalle norme regionali, da sentenze della Cassazione e dalle più recenti espressioni della Corte costituzionale, l'eventuale nomina di un soggetto rispondente al requisito del più volte citato punto 7) consentirebbe a un non dirigente della Pubblica amministrazione di essere nominato direttore generale di una struttura pubblica che amministra e gestisce svariate decine di milioni di euro e circa 500 persone;
- l'Agris risulterebbe l'unico ente pubblico in Sardegna, e forse anche in Italia, con un direttore generale che non è neanche dirigente e che non ha mai amministrato neanche un centesimo o diretto un solo dipendente;

preso atto:
- dell'approssimarsi della scadenza del periodo di proroga dell'incarico del Direttore generale dell'Agenzia Agris e della grave inerzia del competente Assessorato dell'agricoltura e riforma agro-pastorale;
- della situazione d'incertezza nella quale l'Agenzia, per l'ennesima volta dalla sua istituzione, dovrà a breve muoversi in assenza di un rappresentante legale nella pienezza delle sue funzioni,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per sapere quali atti intendano adottare per ricondurre a piena equità e legittimità la procedura in oggetto e se non ritengano necessario e improcrastinabile che l'Assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale provveda a riconsiderare, in termini di autotutela, gli atti sinora adottati per l'acquisizione delle manifestazioni di interesse alla nomina di Direttore generale dell'Agris Sardegna.

Cagliari, 17 novembre 2015