CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 577/A

INTERROGAZIONE COSSA - DEDONI - CRISPONI, con richiesta di risposta scritta, sulle convenzioni tra l'Azienda ospedaliera Brotzu e la ASL n. 8 di Cagliari per l'organizzazione e la gestione delle attività di formazione e per la gestione amministrativa del personale dei presidi ospedalieri Microcitemico e Oncologico-Businco trasferiti alla Azienda ospedaliera Brotzu.

***************

I sottoscritti,

premesso che la legge regionale 17 novembre 2014, n. 23, ha previsto, all'articolo 9, comma 1, lettera c), l'incorporazione nell'Azienda ospedaliera di rilievo nazionale "G. Brotzu" dei presidi ospedalieri Microcitemico ed Oncologico-A. Businco, facenti capo alla ASL n. 8 di Cagliari;

considerato che la Giunta regionale, con la deliberazione n. 31/9 del 17 giugno 2015, ha approvato le linee di indirizzo per la redazione dei piani di incorporazione dei presidi ospedalieri suindicati e per le attività propedeutiche alla successione delle aziende ospedaliere nei rapporti attivi e passivi ed ha dato mandato ai commissari delle aziende interessate di predisporre entro il 30 giugno 2015 il piano di incorporazione;

evidenziato che la Giunta regionale, con la deliberazione n. 33/27 del 30 giugno 2015, ha approvato il documento congiunto di scorporo ed incorporazione dei presidi ospedalieri Businco e Microcitemico dalla ASL n. 8 di Cagliari all'Azienda ospedaliera Brotzu;

constatato che il documento di scorporo ed incorporazione prevede espressamente che la ASL n. 8, mediante stipula di apposite convenzioni, si renda disponibile a supportare, almeno sino al 31 dicembre 2015, l'Azienda ospedaliera Brotzu nell'intera gestione amministrativa del personale trasferito ed a svolgere per conto dell'azienda accorpante le procedure complementari e di supporto relative alle attività di formazione progettate nell'anno corrente;

evidenziato che la deliberazione della Giunta regionale n. 33/27 del 2015 precisa che "le attività relative alla riorganizzazione in corso non dovranno comportare maggiori oneri a carico delle Aziende interessate";

viste le deliberazioni n. 1873 e n. 1874 adottate dal Commissario straordinario dell'Azienda ospedaliera Brotzu in data 28 ottobre 2015, che approvano le convenzioni con la ASL n. 8 di Cagliari, rispettivamente, per l'organizzazione e la gestione delle attività di formazione destinate ai dipendenti assegnati ai presidi ospedalieri Microcitemico ed Oncologico e per la gestione amministrativa del personale trasferito;

appurato che entrambe le convenzioni prevedono, all'articolo 3 (Modalità di rendicontazione dei pagamenti e rimborso), che mensilmente l'Azienda ospedaliera Brotzu provveda a corrispondere, dopo le necessarie verifiche, i rimborsi dovuti per somme eventualmente anticipate dalla ASL n. 8, oltre ad un'ulteriore somma (euro 24.000 per la gestione del personale ed euro 25.000 per la formazione, per un totale di circa 175.000 euro per il secondo semestre 2015) dovuta per lo svolgimento delle attività oggetto delle convenzioni;

ricordato che la deliberazione della Giunta regionale n. 33/27 del 2015 dispone, inoltre, che le azioni relative alle procedure di scorporo ed incorporazione siano avviate e concordate con l'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere se:
1) siano a conoscenza di quanto su esposto;
2) ritengano che l'erogazione da parte dell'Azienda ospedaliera Brotzu in favore dell'ASL n. 8 di una somma eccedente i rimborsi per le anticipazioni effettuate possa ritenersi compatibile con il disposto della deliberazione n. 33/27 del 2015 e cioè che le operazioni di accorpamento non dovessero comportare maggiori oneri a carico delle aziende interessate;
3) non ritengano di dover intervenire per evitare che l'accorpamento delle strutture ospedaliere in oggetto, giustificato sia da esigenze di ottimizzazione e miglioramento del servizio che di limitazione delle spese, si traduca nel suo esatto contrario.

Cagliari, 18 novembre 2015