CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 601/A

INTERROGAZIONE TEDDE - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - PERU - RANDAZZO - TOCCO - TUNIS - ZEDDA Alessandra, con richiesta di risposta scritta, sull'affidamento di un incarico di consulenza in materia di riorganizzazione e delle modalità di gestione e di funzionamento delle strutture afferenti al Dipartimento di salute mentale.

***************

I sottoscritti,

premesso che, con deliberazione n. 987 del 19 novembre 2015, a firma del Commissario straordinario dell'ASL di Sassari, è stato conferito a un medico dipendente dell' Azienda sanitaria provinciale (ASP) di Catania un incarico consulenza in materia di riorganizzazione e delle modalità di gestione e di funzionamento delle Strutture afferenti al Dipartimento di salute mentale, sulla base di una convenzione stipulata tra l'ASL di Sassari e l'ASP di Catania;

premesso, altresì, che l'ASL di Sassari dovrà corrispondere all'ASP di Catania, per l'attività di consulenza prestata dal proprio dipendente, l'importo di 15.000 euro, oltre alle spese di rimborso viaggio per ogni accesso presso la struttura sanitaria sarda;

rilevato che, già con deliberazione commissariale n. 179 del 10 marzo 2011, l'ASL di Sassari aveva conferito l'incarico interno al Direttore della Struttura complessa del Centro di servizio mentale di predisporre un progetto di riassetto del Dipartimento di salute mentale;

rilevato, altresì, che l'incarico fu portato a termine attraverso il coinvolgimento di un gruppo di lavoro interno che aveva prodotto un articolato ed efficace progetto di riassetto e riorganizzazione del Dipartimento di salute mentale e di attivazione dell'area delle neuroscienze e di salute mentale di cui l'ASL di Sassari disponeva fin dal 2011;

osservato che, pertanto, con deliberazione n. 987 del 19 novembre 2015, il Commissario straordinario dell'ASL di Sassari ha affidato una consulenza a titolo oneroso finalizzata a ottenere indicazioni e pareri che sono già nelle disponibilità dell'ASL di Sassari in quanto a essa fornite a conclusione del progetto deliberato con atto commissariale n. 179 del 10 marzo 2011, portato a termine dal Direttore del Centro di salute mentale e dal gruppo di lavoro interno che lo aveva affiancato e teso proprio alla definizione del riassetto del Dipartimento di salute mentale, così come attestato con deliberazione n. 1068 del 30 dicembre 2011 a firma del Direttore generale dell'ASL di Sassari;

rilevato che, con l'adozione della deliberazione commissariale n. 987 del 19 novembre 2015, il Commissario straordinario ha posto in essere un atto che eccede le competenze conferitegli dalla Giunta regionale, con deliberazione n. 51/2 del 20 dicembre 2014, la quale non prevede competenze quali quelle esercitate in occasione dell'affidamento dell'incarico di consulenza in questione;

rilevato, altresì, che l'approvazione della deliberazione commissariale n. 987 del 19 novembre 2015 si pone in netto contrasto con lo spirito della deliberazione della Giunta regionale n. 43/9 del 1° settembre 2015 con la quale è stato disposto il blocco delle assunzioni, il blocco parziale del turnover, il divieto di conferire incarichi di consulenza, al fine di contenere la spesa sanitaria pubblica;

dato atto che, all'interno dell'ASL di Sassari, opera una struttura complessa denominata "Pianificazione strategica, organizzazione, governance", dotata di personale altamente qualificato, alla quale sono affidati anche e soprattutto compiti di riorganizzazione delle strutture complesse e dei dipartimenti che le compongono, cioè, sono assegnati i medesimi obbiettivi che l'ASL di Sassari delibera di voler raggiungere attraverso la convenzione in commento con l'ASP di Catania e un incarico a un medico che da essa dipende con esborsi pari a 15.000 euro, oltre alle spese di viaggio che dovranno essere rimborsate al medico siciliano;

considerato che appare quanto meno inopportuno che, in una fase di grande difficoltà come quella che l'intera sanità sarda sta attraversando, con un disavanzo accertato per il 2015 di circa 400 milioni di euro, l'esecutivo, con disegno di legge n. 277, proponga il ripianamento delle perdite a oggi accumulate dal sistema delle ASL regionali e nel frattempo si spendono inutilmente 15.000 euro per commissionare una consulenza a un medico dipendente dell'ASP di Catania, oltre alle spese di viaggio, per acquisire conoscenze già in possesso dell'ASL di Sassari e che, comunque, potrebbero essere fornite in qualsiasi momento dalla struttura complessa denominata "Pianificazione strategica, organizzazione, governance", avente il compito, anche e soprattutto, di definire ipotesi di riorganizzazione delle strutture complesse e dei dipartimenti che le compongono,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per conoscere:
1) quali provvedimenti l'Amministrazione regionale intenda adottare nei confronti del Commissario straordinario dell'ASL di Sassari che, con l'adozione della deliberazione n. 987 del 19 novembre 2015, ha posto in essere un atto che, in primo luogo, eccede le competenze attribuitegli dalla Giunta regionale con deliberazione n. 51/2 del 20 dicembre 2014, la quale non prevede competenze quali quelle esercitate in occasione dell'affidamento dell'incarico di consulenza in questione, e che, in secondo luogo, si pone in contrasto con lo spirito della deliberazione della Giunta regionale n. 43/9 del 1° settembre 2015 con la quale è stato disposto il blocco delle assunzioni, il blocco parziale del turnover e il divieto di conferire incarichi di consulenza al fine di contenere la spesa sanitaria pubblica;
2) quando e come l'Amministrazione regionale intenda intervenire presso il Commissario straordinario dell'ASL di Sassari al fine d'impedire che le risorse pubbliche del Sistema sanitario regionale vengano inutilmente spese per una consulenza in materia di riorganizzazione e delle modalità di gestione e di funzionamento delle strutture afferenti al Dipartimento di salute mentale, sulla base di una convenzione stipulata tra l'ASL di Sassari e l'ASP di Catania, finalizzata a ottenere indicazioni e pareri già in possesso dell'ASL di Sassari, e che potrebbero essere forniti internamente dalla struttura complessa denominata "Pianificazione strategica, organizzazione, governance" avente il compito, anche e soprattutto, di definire ipotesi di riorganizzazione delle strutture complesse e dei dipartimenti che le compongono.

Cagliari, 11 dicembre 2015