CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 613/A

INTERROGAZIONE PIZZUTO - COCCO Pietro, con richiesta di risposta scritta, sulle criticità scaturite dall'aggiudicazione del bando della ASL n. 7 per l'affidamento triennale del servizio di movimentazione e trasporto.

***************

I sottoscritti

premesso che:
- con deliberazione n. 1618 del 10 ottobre 2014, l'Azienda sanitaria locale n. 7 ha indetto la gara d'appalto a procedura per l'affidamento triennale del servizio di movimentazione e trasporto (CIG 5670915B17) con il criterio del prezzo più basso;
- l'oggetto del servizio riguarda la movimentazione di corrispondenza, pacchi, scatole, contenitori voluminosi, medicinali, materiali e presidi sanitari, reattivi, pellicole e qualunque materiale sanitario dei magazzini farmaceutici, campioni sanitari per esami dì qualunque tipo, materiali dei magazzini generali ed ogni altro genere di materiale da movimentare e trasportare sia all'interno del territorio della ASL n. 7 che all'esterno della Provincia di Carbonia-Iglesias;
- gli atti necessari all'avvio della procedura di gara, trasmessi al competente Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale, erano stati trasmessi in data 31 marzo 2014 per l'approvazione preventiva ai sensi della circolare prot. RAS n. 498 del 21 marzo 2014 e sono stati approvati con documento dell'Assessorato prot. n. 24361 del 9 ottobre 2014;
- il termine ultimo per la presentazione delle offerte era stato fissato per il 5 dicembre 2014 e risultavano pervenute al committente due istanze di partecipazione;

preso atto che:
- in data 11 dicembre 2014 è stato redatto il verbale di gara da parte della commissione esaminatrice;
- con deliberazione n. 530/C del 20 aprile 2015 adottata dal commissario straordinario della ASL n. 7 è stata disposta l'aggiudicazione definitiva del servizio appaltato alla ditta Consorzio Progetto Multiservizi, tenendo conto del criterio del prezzo più basso;

considerato che la ditta aggiudicatala Consorzio Progetto Multiservizi ha partecipato alla gara come Consorzio Stabile di cui all'articolo 34, comma 1, lettera c), indicando quali consorziate le ditte Goser soc. coop. e Pulitutto & Cefil Srl e indicando la ditta Scameroni Corrado - Autofficina autorizzata Fiat e centro revisioni come ditta incaricata del servizio di manutenzione meccanica (subappalto regolarmente approvato con deliberazione n. 1576/C del 26 ottobre 2015);

tenuto conto che:
- il contenuto del bando di gara prevedeva all'articolo 4 che la ditta aggiudicataria si accollasse "l'obbligo di assumere a proprio carico il personale occupato dalla ditta uscente, compresi i Soci di Cooperativa, per un totale di almeno quindici unità lavorative", stabilendo inoltre che "tutto il personale operante per conto della Ditta deve essere regolarmente assunto secondo la normativa vigente; deve essere applicato e rispettato integralmente il contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria ed eventuali accordi integrativi; (...) deve essere regolarmente assicurata la copertura assistenziale e previdenziale secondo la normativa vigente; (...) devono essere assicurate le mensilità aggiuntive oltre la tredicesima secondo lo specifico contratto di categoria";
- all'articolo 7 del suddetto bando di gara si stabiliva che "l'impegno orario deve essere pari ad 8 ore giornaliere per addetto che copra comunque l'arco orario dalle ore 7 alle ore 17, per almeno quindici addetti giornalieri, con la disponibilità di tre addetti per 6 ore giornaliere nel sabato, oltre le domeniche e festivi, durante i quali è prevista la possibilità di richiedere almeno due rientri settimanali con almeno due addetti dalle 15 alle 20";
- all'articolo 13 del bando di gara si afferma che "è fatta salva la facoltà di procedere a verifica di eventuale anomalia dell'offerta aggiudicatario";

appreso che:
- la ditta aggiudicataria ha provveduto a contrattualizzare n. 3 dipendenti per un numero di ore inferiore a quello anteriormente espletato con la precedente ditta, mediante l'applicazione del contratto Servizi ausiliari, fiduciari e integrati resi alle imprese pubbliche e private (cosiddetto "contratto fiduciario") in luogo del "contratto multiservizi" come dichiarato dal consorzio aggiudicatario nell'offerta di gara e con la corresponsione della quattordicesima mensilità frazionata in dodici mesi;
- il servizio presenta attualmente delle criticità in termini di orari, disponibilità effettiva degli addetti e rispetto delle clausole generali del contratto;
- l'applicazione del CCNL dichiarato in fase di offerta di gara dal consorzio aggiudicatario era il "contratto multiservizi" (Servizi di pulizia e servizi integrati), mentre il bando di gara richiedeva l'applicazione del contratto collettivo nazionale di lavoro di categoria, che in questo caso è il "contratto logistica trasporto merci e spedizione" (Confetra);
- il consorzio aggiudicatario dichiarava nell'offerta di gara l'assunzione di 15 dipendenti con qualifica di autisti e facchini e un dipendente con qualifica di meccanico;
- il bando è stato impugnato davanti al TAR di Cagliari dalla ditta non aggiudicataria Società cooperativa Sulcis 2001;

verificato che nell'articolo 15 del bando di gara venivano definite le penali e le cause di risoluzione in danno e che, in particolare, nella lettera c) del predetto articolo si riportava il caso di "mancato rispetto delle norme sulla sicurezza o delle norme contrattuali per il personale dipendente (compresa la mancata retribuzione del medesimo nei termini dovuti),

chiedono di interrogare l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per:
1) sapere se sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali provvedimenti urgenti di competenza intenda adottare per verificare l'effettiva sussistenza dei disservizi;
2) conoscere quali azioni voglia compiere per un monitoraggio sull'affidamento del servizio di movimentazione e trasporto della ASL n. 7 e della tutela dei lavoratori ivi impiegati.

Cagliari, 29 dicembre 2015