CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 639/A

INTERROGAZIONE LAMPIS - TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sullo stato di attuazione del progetto di ristrutturazione edilizia e restauro del complesso edilizio denominato "Ex alloggio dirigenti di Montevecchio" sito in località Montevecchio (Comune di Arbus).

***************

I sottoscritti,

visto l'articolo 16 della legge regionale 29 maggio 2007, n. 2, col quale è stata istituita l'Agenzia "Conservatoria delle coste della Sardegna" ai fini della salvaguardia e tutela degli ecosistemi costieri, con compiti di gestione integrata di quelle aree costiere di particolare rilevanza paesaggistica ed ambientale, di proprietà regionale o poste a sua disposizione da parte di soggetti pubblici o privati e che, quindi, assumono la qualità di aree di conservazione costiera;

premesso che, con deliberazione del consiglio comunale di Arbus n. 26 del 4 giugno 2012, si è proceduto a dare mandato al sindaco e alla giunta comunale affinché si adoperassero per la predisposizione degli atti relativi all'affidamento in gestione all'ex alloggio dirigenti all'Agenzia regionale Conservatoria delle coste della Sardegna;

richiamata la scrittura privata sottoscritta in data 25 settembre 2012 tra il Comune di Arbus e l'Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna con la quale è stato affidato in gestione e contestualmente consegnato l'immobile "Ex alloggio dirigenti di Montevecchio" di proprietà dell'amministrazione comunale all'Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna;

rilevato che l'articolo 3 della scrittura privata prevede che l'immobile sarà adibito a eco-ostello per la qualificazione dell'offerta turistica locale attraverso il recupero, la gestione sostenibile e la messa in rete di immobili siti in aree costiere di particolare interesse paesaggistico-ambientale;

appreso che, con deliberazione della giunta comunale di Arbus n. 39 del 6 marzo 2014, è stato approvato il progetto definitivo redatto per conto dell'Agenzia Conservatoria delle coste della Sardegna dallo studio di progettazione Heliopolis 21 Architetti Associati, con sede in San Giuliano Terme (PI) dell'importo complessivo di euro 759.557,73 di cui euro 592.985,23 per lavori e oneri di sicurezza ed euro 166.572,5 per somme a disposizione della stazione appaltante che prevede i seguenti interventi:
"Recupero del fabbricato, originariamente destinato ad Alloggio dei Dirigenti, con l'intento realizzare al suo interno un Ostello della Gioventù (ai sensi della legge regionale n. 27 del 12.08.1998) e una Public House ovvero una struttura capace di inserirsi in un contesto naturale ed antropico ed allo stesso tempo di rappresentare un modello di efficiente gestione delle risorse energetiche. Si intendono realizzare quelle modifiche che consentano all'amministrazione di poter rifunzionalizzare gli spazi interni assegnando loro la destinazione di Ostello della Gioventù, che occupa parte del Piano Terra e tutto il livello superiore, e di Public House (PUB), per la parte del Piano Terra non destinata ad Ostello.
Le due attività previste, per quanto pensate in maniera da essere complementari l'una all'altra, così da garantire una maggiore completezza dell'offerta ludico-turistica, potranno anche essere gestite separatamente. Nello specifico l'intervento sarà così organizzato:
PIANO TERRA
Il livello risulterà suddiviso in due parti distinte ed indipendenti rispettando lo schema che storicamente ha distinto le due residenze cui esso era destinato: le funzioni di pertinenza dell'Ostello saranno ospitate nella parte Est del livello mentre la restante parte del livello ospiterà un locale destinato al pubblico svago dei ragazzi.
a) OSTELLO: saranno posizionate lungo il fronte principale le funzioni di rappresentanza e sul fronte posteriore quelle prettamente di servizio, entrambe servite da un elemento distributore centrale verso il quale le singole unità si affacciano.
FUNZIONI COLLETTIVE
- zona relax accoglienza e reception;
FUNZIONI DEDICATE ALL'OSPITALITÀ
- camere da letto;
- servizi igienici;
FUNZIONI GESTIONALI
- ufficio amministrazione;
- spogliatoio personale;
- camera personale;
- servizi igienici;
b) PUBLIC HOUSE: saranno posizionate lungo il fronte principale la sala principale con il servizio al banco, cui si aggiungono altre tre sale atte ad ospitare gli avventori, tutti spazi connessi alla parte destinata ai servizi igienici ed ai locali tecnici da un elemento distributore centrale verso il quale le singole unità si affacciano.
FUNZIONI COLLETTIVE
- sala principale:
- spazio pubblico;
- spazio bancone;
- sale secondarie;
- servizi igienici;
FUNZIONI GESTIONALI
- cucina e preparazione cibi;
- dispensa;
- zone filtro;
- spogliatoio personale;
- servizi igienici personale;
PIANO PRIMO
Il livello sarà completamente destinato ad accogliere le residenze degli ospiti, un totale di quattordici camere servite da tre blocchi di servizi igienici uno dei quali destinato ad un utilizzo privilegiato dei portatori di handicap; inoltre alcune delle camere godranno della possibilità di avere un affaccio tramite logge e balconi.
L'accessibilità ai vari livelli sarà garantita oltre che dall'utilizzo dei doppi corpi scala posti a cerniera dei lati corti dei fabbricato, anche dalla realizzazione di una piattaforma elevatrice che collocata nel vuoto del corpo scala Est sarà l'elemento di connessione dal livello seminterrato sino al primo fuori terra, favorendo, in tal modo, la completa fruibilità della struttura.
PIANO SEMINTERRATO
Questo livello sarà interessato esclusivamente da una parte della dotazione impiantistica, in termini di locali tecnici dedicati e di condotte di connessione tra le varie parti dei sistemi stessi.";

visto che:
- l'articolo 6 della scrittura privata prevede che prima di qualsiasi intervento nell'edificio dovrà essere acquisita la preventiva autorizzazione dell'amministrazione comunale e che, in tal senso, lo stesso Comune di Arbus si è espresso l'ultima volta sull'approvazione del progetto definitivo proposto dall'Agenzia Conservatoria delle coste quasi due anni fa;
- con deliberazione della Giunta regionale n. 21/18 del 12 giugno 2014 si è provveduto al commissariamento dell'Agenzia regionale della Conservatoria delle coste;

ritenuto che si riscontri un gravissimo ritardo nell'espletamento della procedura di approvazione del progetto esecutivo e nella conseguente realizzazione dei lavori in questione,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere:
1) se siano a conoscenza del grave ritardo in cui giace la fase progettuale e la conseguente realizzazione dei lavori di ristrutturazione edilizia e restauro del complesso edilizio denominato "Ex alloggio dirigenti di Montevecchio" in località Montevecchio (Comune di Arbus) in capo all'Agenzia regionale Conservatoria delle coste;
2) se non ritengano che la responsabilità di tale ritardo sia addebitabile alla scelta della Giunta regionale di commissariare la suddetta agenzia regionale dallo scorso giugno 2014 facendo regnare tutt'oggi l'incertezza delle sue funzioni e del suo futuro;
3) quali iniziative intendano porre in essere per la soluzione della problematica suesposta.

Cagliari, 1° febbraio 2016