CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 641/A

INTERROGAZIONE ORRÙ, con richiesta di risposta scritta, sui ritardi di pubblicazione della graduatoria definitiva del concorso straordinario per soli titoli per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche di nuova istituzione.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- nel decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni nella legge n. 27 del 2012 (Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività), ai sensi dell'articolo 11 è previsto il potenziamento del servizio di accesso alla titolarità delle farmacie;
- con la nuova normativa si vuole favorire l'accesso alla titolarità delle farmacie da parte di un più ampio numero di aspiranti, aventi i requisiti di legge, nonché favorire le procedure per l'apertura di nuove sedi farmaceutiche garantendo al contempo una più capillare presenza sul territorio del servizio farmaceutico: una farmacia ogni 3.300 abitanti, consentendo l'apertura di una ulteriore farmacia qualora la popolazione sia superiore al 50 per cento del parametro stesso (1.651 abitanti);

considerato che le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, al fine di rendere esecutiva la legge n. 27 del 2012, ai sensi dell'articolo 11, comma 2, hanno bandito un concorso straordinario per titoli ed esami per la copertura delle sedi farmaceutiche di nuova istituzione;

accertato che la Regione autonoma della Sardegna, in data 5 febbraio 2013, ha approvato e indetto il bando di concorso pubblico straordinario, per soli titoli, per la copertura di 90 sedi farmaceutiche di nuova istituzione e per quelle resesi vacanti;

tenuto conto che il presidente della commissione, con nota prot. n. 15446 del 12 giugno 2014, ha trasmesso al Direttore del servizio della medicina di base, specialistica, materno infantile, residenziale, riabilitativa e dell'assistenza farmaceutica i fascicoli di tutti i candidati esaminati, i verbali di tutte le sedute della commissione e la graduatoria di merito riferita alle 1.212 candidature, dal punteggio massimo riportato di punti 47 al punteggio minimo riportato di punti 0, con l'indicazione del posto in graduatoria di ogni singola candidatura, il protocollo, il cognome e nome del referente della candidatura;

preso atto che, nonostante quanto sopra, la graduatoria provvisoria del concorso è stata pubblicata solo il 30 giugno 2015;

rilevato che l'iter concorsuale è ormai terminato in diverse regioni e che le prime farmacie hanno già cominciato ad operare;

considerato che l'apertura delle nuove sedi farmaceutiche, oltre che potenziare il servizio al cittadino con maggior capillarità sul territorio e raggiungere gli obiettivi in sé della legge n. 27 del 2012, articolo 11, in termini di sviluppo economico, genererà un indotto lavorativo coinvolgendo numerose imprese locali e nazionali collegate al comparto farmaceutico (società multi-servizi, studi professionali di consulenza, arredatori, artigiani) che immediatamente hanno mostrato forte interesse agli sviluppi di questo concorso;

rammentato che il comma 9 dell'articolo11 della legge n. 27 del 2012 sancisce che, in caso di inadempienza da parte delle regioni, il Consiglio dei ministri esercita i poteri sostitutivi di cui all'articolo 120 della Costituzione e con nomina di un apposito commissario provvede, in sostituzione dell'amministrazione inadempiente, all'espletazione delle procedure concorsuali,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per conoscere:
1) il motivo del grave rallentamento del procedimento concorsuale che, nelle intenzioni del legislatore, dovrebbe già essersi concluso;
2) le intenzioni della Giunta regionale su come affrontare la situazione e dare, come fatto da altre regioni, una risposta concreta a tutti gli aspiranti, per lo più giovanissimi, titolari di farmacia;
3) i motivi per i quali la Regione autonoma della Sardegna ritarda la nascita delle 90 nuove sedi farmaceutiche considerato l'indotto lavorativo che ne scaturirebbe.

Cagliari, 2 febbraio 2016