CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 646/A

INTERROGAZIONE COSSA, con richiesta di risposta scritta, sull'impossibilità in Sardegna di vendita online di medicinali senza obbligo di prescrizione (art. 112 quater del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219).

***************

Il sottoscritto,

premesso che l'articolo 112 quater del decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, prevede la possibilità, esclusivamente per chi effettua la vendita al pubblico, farmacie ed esercizi commerciali di cui all'articolo 5, comma 1, del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, di espletare fornitura a distanza al pubblico dei medicinali senza obbligo di prescrizione mediante i servizi della società dell'informazione, quali definiti dalla legge 21 giugno 1986, n. 317;

considerato che il succitato articolo 112 quater, in particolare, prevede che le farmacie e gli esercizi commerciali intenzionati a utilizzare tale canale di vendita siano autorizzati dalla regione o dalla provincia autonoma ovvero dalle altre autorità competenti, individuate dalla legislazione delle regioni o delle province autonome;

constatato che la procedura finalizzata all'avvio dell'attività di vendita online si articola in due distinte fasi consecutive: la prima, concernente la richiesta di autorizzazione, gestita dall'autorità territorialmente competente e la seconda, relativa alla registrazione e all'ottenimento del logo identificativo nazionale, curata dal Ministero della salute;

rilevato che il Ministero della salute, con proprio decreto del 6 luglio 2015, ha predisposto il logo identificativo nazionale per la vendita online dei medicinali senza obbligo di prescrizione;

appurato che alcune regioni italiane hanno prontamente disciplinato modalità e termini per il rilascio dell'autorizzazione alla vendita online, così come previsto dal Ministero della salute;

appreso che, al contrario, la Regione non ha ancora provveduto a dare le opportune indicazioni sul rilascio dell'autorizzazione regionale, propedeutica all'ottenimento del logo identificativo nazionale, nonostante la richiesta di Federfarma,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se siano a conoscenza di quanto su esposto;
2) se non ritengano di dover provvedere con sollecitudine a disciplinare modalità e termini per il rilascio anche in Sardegna dell'autorizzazione alla vendita online dei medicinali senza obbligo di prescrizione, al fine di permettere anche alle farmacie e parafarmacie isolane di competere a pari condizioni nel mercato nazionale ed europeo.

Cagliari, 11 febbraio 2016