CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 651/A

INTERROGAZIONE LAMPIS - TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata consegna dello scuolabus e sul mancato trasferimento delle risorse finanziarie a copertura delle spese relative al servizio di trasporto scolastico nel Comune di Segariu.

***************

I sottoscritti,

premesso che con deliberazione della Giunta regionale n. 5/26 del 6 febbraio 2015 si approvava il Piano di dimensionamento della rete scolastica regionale relativo all'anno scolastico 2015/2016;

appurato che esso disponeva, fra le altre cose, l'accorpamento degli istituti comprensivi di Lunamatrona e di Barumini con l'istituto comprensivo di Villamar, avente sede nel medesimo comune;

rilevato che nella Provincia del Medio Campidano la Giunta regionale ha fortemente penalizzato i bambini e le relative famiglie residenti nel Comune di Segariu, che risultano essere obbligati a frequentare la scuola dell'obbligo non nel loro comune di residenza;

richiamate le parole dell'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport che così dichiarava: "Noi interveniamo sostenendo i comuni per il trasporto, acquistando 40 nuovi scuolabus e partecipando alle spese, programmando i fondi contro la dispersione e per l'accrescimento delle competenze dei ragazzi";

verificato che, in dispregio a quanto dichiarato dal competente assessore in materia di istruzione, al Comune di Segariu non è stato consegnato né lo scuolabus né tantomeno sono state assegnate le risorse economiche necessarie a garantire il servizio di trasporto scolastico fino al Comune di Furtei, obbligando l'amministrazione comunale a stipulare apposito contratto con impresa privata con oneri a carico della comunità per circa 48 mila euro;

visto che i genitori degli alunni residenti nel Comune di Segariu hanno chiesto invano tramite missiva spedita con raccomandata A/R al Presidente della Regione e all'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport di intervenire in deroga alle attuali disposizioni per consentire, a partire dall'anno scolastico 2016/2017, che i propri figli possano frequentare la scuola nel proprio paese di residenza,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere:
1) per quali motivi non abbiano consegnato al Comune di Segariu lo scuolabus per garantire il servizio di trasporto scolastico fino al Comune di Furtei, centro in cui gli alunni frequentano la scuola dell'obbligo così come disposto dal Piano di dimensionamento della rete scolastica regionale;
2) per quali motivi non siano state trasferite al Comune di Segariu le necessarie risorse finanziarie atte a sopperire ai costi derivanti dalla stipula del contratto con un'impresa privata che si occupa del trasporto scolastico fino al vicino Comune di Furtei;
3) se non ritengano opportuno convocare un tavolo istituzionale con l'amministrazione comunale di Segariu al fine di addivenire ad una soluzione condivisa delle problematiche esposte in premessa che consenta il normale avvio dell'anno scolastico 2016/2017.

Cagliari, 16 febbraio 2016