CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 673/A

INTERROGAZIONE ZANCHETTA - GAIA - PERRA, con richiesta di risposta scritta, per ottenere chiarimenti sulla sede nella quale saranno sostenuti gli esami dei concorsi per il reclutamento del personale docente della scuola.

***************

I sottoscritti,

premesso che i bandi di concorso finalizzati al reclutamento del personale docente, pubblicati dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (GU n. 16 del 26 febbraio 2016), sono indetti su base regionale (articolo 2, comma 1, del bando) con la previsione di 1.878 nuove cattedre per la Sardegna;

appreso che:
- i candidati sardi dovranno sostenere le prove d'esame fuori dalla regione di appartenenza, cioè nel "continente";
- presumibilmente il concorso avrà luogo nel periodo estivo, con conseguenti difficoltà, oltre all'aggravio di costi e disagi, di raggiungere le sedi di esame;

considerato che:
- l'articolo 2, comma 2, del bando, che dispone l'aggregazione territoriale delle procedure concorsuali, non tiene nella dovuta considerazione l'ostacolo derivante dall'insularità che incontrano le diverse migliaia di concorrenti sardi e di fatto li discrimina;
- numerosi candidati potrebbero trovarsi nella condizione oggettiva di non potersi neanche presentare a sostenere le prove a causa delle prevedibili difficoltà nei collegamenti;
- le più penalizzate risultano essere le donne, che peraltro rappresentano la percentuale maggiore dei partecipanti, in particolare le madri con bambini, che potrebbero essere costrette a soggiornare per diversi giorni lontane dalla famiglia;

considerato, altresì, che appare oltremodo inverosimile che manchino o non si possano allestire in Sardegna delle sale attrezzate con relative apparecchiature informatiche da rendere disponibili per le prove scritte-grafiche computerizzate (articolo 6, comma 3, del bando),

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere quali misure o provvedimenti intendano intraprendere nei confronti del Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca per impedire una evidente, ennesima, penalizzazione per i concorrenti sardi che si vedrebbero costretti, per poter svolgere le prove concorsuali, ad affrontare disagi ed esborsi economici inaccettabili, o, addirittura, potrebbero trovarsi nella condizione di non poter partecipare al concorso perché oggettivamente impossibilitati a recarsi fuori dall'Isola, considerate le difficoltà nei collegamenti nel periodo estivo.

Cagliari, 4 marzo 2016