CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 677/A

INTERROGAZIONE TATTI - TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sull'improvvisa chiusura delle due sale operatorie dell'Ospedale San Giuseppe di Isili.

***************

I sottoscritti,

premesso che nell'incontro del 7 marzo 2016 fra amministratori locali, sindacati, operatori e popolazione del distretto di Sarcidano - Barbagia di Seulo, avvenuto alla presenza del capo di gabinetto del Presidente della Regione e del capo di gabinetto dell'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale, hanno appreso della chiusura delle due sale operatorie dell'Ospedale San Giuseppe di Isili;

appreso dalla stampa regionale che tale chiusura, legata alla necessità di ammodernamento delle due sale a seguito di un sopralluogo avvenuto nel luglio 2015, avrà la durata di circa un anno;

considerato che:
- del provvedimento di chiusura, preso senza alcun preavviso, si è avuta conoscenza solamente il 6 marzo 2016, a quasi otto mesi dall'avvenuto sopralluogo;
- al presidio ospedaliero San Giuseppe si rivolge la popolazione del Sarcidano, Barbagia di Seulo e Marmilla, territorio già fortemente disagiato e caratterizzato da una condizione di isolamento derivante dalla presenza di una rete stradale disastrata;

ritenuto che la mancanza della sala operatoria compromette altresì il funzionamento del pronto soccorso, con gravi ripercussioni sull'intero territorio i cui residenti vedrebbero incrementati i tempi di percorrenza verso il pronto soccorso più vicino, non consentendo pertanto un'adeguata assistenza al cittadino in caso di emergenza;

appreso, infine, nella suddetta riunione che dirigenti dell'ASL di Sanluri avrebbero comunicato ai rappresentanti sindacali locali che il problema della carenza di personale si sarebbe potuto affrontare attingendo dal personale dell'ospedale San Giuseppe di Isili, in quanto soggetto a chiusura o ridimensionamento,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere se:
1) corrispondano al vero e se siano a conoscenza dei fatti esposti in premessa;
2) non ritengano opportuno prendere tempestivi provvedimenti per garantire, soprattutto in caso di emergenza, un'adeguata assistenza ai pazienti residenti nel territorio del Sarcidano, Barbagia di Seulo e Marmilla.

Cagliari, 9 marzo 2016