CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 688/A

INTERROGAZIONE LAMPIS - TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sull'aumento prezzi dei biglietti Trenitalia e disservizi nelle stazioni del Medio Campidano.

***************

I sottoscritti,

premesso che, in Sardegna, dal primo marzo ultimo scorso, si è registrato un ingiustificato aumento delle tariffe Trenitalia del 9 per cento per i biglietti singoli e i rincari sono ulteriormente maggiori nel caso degli abbonamenti;

considerato che la politica tariffaria è di esclusiva competenza dalla Regione nella sua qualità di committente e programmatrice del servizio ferroviario regionale, così come ricordato da Trenitalia sulla quale ricade il solo compito di applicazione;

ricordato che:
- i pendolari, nella fattispecie quelli provenienti dal Medio Campidano, lamentano sempre più disagi legati al servizio ferroviario, con particolare riferimento alla stazione ricadente nel comune di San Gavino Monreale;
- di recente si sono registrati sempre più disservizi legati alla percorrenza degli autotreni ATR 365, noti anche come "treni veloci", che non si fermano in alcune stazioni, come quella di San Gavino Monreale, in quanto i posti a sedere sono limitati e già occupati dagli utenti che salgono nelle altre stazioni, giustificando tale evenienza col fatto che sul treno sarebbe impossibile viaggiare in piedi,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei trasporti per conoscere:
1) la giustificazione sull'aumento delle tariffe;
2) quali ulteriori stanziamenti di bilancio sono stati previsti a favore dei comuni della Sardegna per i rimborsi spese viaggio degli studenti frequentanti le scuole secondarie di secondo grado, stante l'aumento del costo degli abbonamenti;
3) i motivi per cui non è possibile aggiungere uno o più vagoni all'autotreno ATR 365;
4) quali siano le politiche che intendono attuare al fine di garantire una maggiore efficienza del servizio adeguandolo alle esigenze più volte avanzate dai pendolari, che usufruiscono del trasporto ferroviario in Sardegna.

Cagliari, 15 marzo 2016