CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 694/A

INTERROGAZIONE TUNIS, con richiesta di risposta scritta, in relazione al declassamento dell'ospedale San Marcellino di Muravera a presidio ospedaliero di zona disagiata.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la legge regionale 17 novembre 2014, n. 23 ha definito i criteri in base ai quali predisporre la riorganizzazione del Sistema sanitario regionale e delle reti di assistenza;
- con decreto del Ministero della salute n. 70 del 2 aprile 2015, è stato approvato il regolamento recante la definizione degli standard qualitativi che stabilisce che le regioni debbano adottare un provvedimento mirato a ricondurre la dotazione dei posti letto ospedalieri accreditati e utilizzati, a carico del Servizio sanitario regionale, a standard predefiniti nell'arco di un triennio;
- con deliberazione della Giunta regionale n. 38/12 del 28 luglio 2015 è stato approvato il programma di riorganizzazione della rete ospedaliera in attuazione della legge regionale n. 23 del 2014;
- con deliberazione n. 6/15 del 2 febbraio 2016, la Giunta ha modificato alcune parti della deliberazione n. 38/12 del 2015;

rilevato che:
- tra gli altri ospedali su cui è intervenuta la Giunta regionale vi è anche l'ospedale San Marcellino di Muravera, per il quale è previsto un ridimensionamento pesante rispetto agli standard attuali;
- attualmente l'ospedale gestisce i seguenti servizi: direzione sanitaria, anestesia, chirurgia d'urgenza e ordinaria allargata alla specialistica ambulatoriale, laboratorio d'analisi, medicina generale e pronto soccorso;
- in base a quanto deciso dalla Giunta regionale, l'ospedale San Marcellino viene declassificato da presidio ospedaliero di base a presidio di area disagiata, con il conseguente grave ridimensionamento dei servizi attualmente erogati;

considerato che:
- l'ospedale San Marcellino è sito in un area geografica che serve non solo il Sarrabus, ma anche il Gerrei e i comprensori vicini;
- da diversi anni l'ospedale stesso ha subito pesanti tagli di personale e risorse, avendo perso importanti reparti come ostetricia, ginecologia e ortopedia;
- il declassamento previsto dalle deliberazioni n. 38/12 del 28 luglio 2015 e n. 6/15 del 2 febbraio 2016 porterà a ulteriori tagli nei reparti di chirurgia e medicina, al sostanziale ridimensionamento del servizio del pronto soccorso e alla chiusura del laboratorio di analisi che diverrebbe un semplice punto prelievi;
- la proposta di ridefinire l'organizzazione del San Marcellino, trasformandolo da presidio ospedaliero di base a presidio di area disagiata non pare portare che a una minima riduzione dei costi, determinando, nel contempo, una gravissima ulteriore riduzione dei servizi per i cittadini del territorio;
- il Sarrabus, il Gerrei e i territori contermini come Sarcidano e parte dell'Ogliastra, tuttora non hanno strade di collegamento adeguate, oltre che mezzi pubblici efficienti per poter raggiungere i presidi ospedalieri ricadenti nell'area urbana di Cagliari, con grave danno soprattutto per le fasce più deboli della popolazione a cui dovrebbe essere garantito un livello di assistenza sanitaria adeguata;

considerato, inoltre, che:
- durante la stagione turistica l'area è meta di decine di migliaia di turisti che usufruiscono del presidio ospedaliero sito in Muravera e che questo declassamento andrebbe a incidere negativamente anche sulla possibile scelta di questa meta da parte di anziani e persone con problemi gravi di salute che, spesso, scelgono destinazioni in cui poter avere un'adeguata assistenza sanitaria;
- tuttora non risulta neppure attivo il servizio di elisoccorso che potrebbe, almeno in parte ridurre gli inevitabili disagi che questo declassamento porterà sul territorio del Sarrabus;
- i consigli comunali e i cittadini residenti, più volte e anche recentemente, hanno chiesto che i servizi attualmente esistenti vengano mantenuti attivi,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene, sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se si ritiene opportuno rivedere quanto deciso dalla Giunta regionale con le deliberazioni n. 38/12 del 2015 e n. 6/15 del 2016, prima che le stesse vengano portate all'attenzione del Consiglio regionale, ed evitare di portare a compimento il deliberato declassamento dell'ospedale San Marcellino di Muravera;
2) attivare prima, qualora tale declassamento fosse comunque ritenuto imprescindibile dalla Giunta regionale, il servizio di elisoccorso regionale e lavorare per garantire una mobilità efficiente attraverso l'adeguamento delle infrastrutture viarie e del servizio di trasporto pubblico locale.

Cagliari, 17 marzo 2016