CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 712/A

INTERROGAZIONE CRISPONI, con richiesta di risposta scritta, sulla disattivazione dei servizi di telefonia nell'area del Bruncuspina.

***************

Il sottoscritto,

premesso che la Telecom Italia ha inspiegabilmente disattivato, con una decisione unilaterale, il servizio di telefonia mobile e fissa nell'area riferibile al Bruncuspina, nel territorio della cittadina di Fonni;

considerato che su detto territorio, noto per la sua particolare bellezza e per il forte richiamo esercitato verso gli appassionati della montagna, della pratica degli sci e degli sport sulla neve, insistono diversi insediamenti turistici e agrituristici, aziende produttive e imprese agricole, alle quali viene, in pratica, negata qualunque opportunità di collegamento telefonico attraverso le utenze mobili e fisse;

valutato che tale situazione determina il totale isolamento delle attività, facendo mancare anche a operatori, viaggiatori, escursionisti e cittadini in genere la più elementare delle condizioni di sicurezza lungo percorsi viari di per sé critici anche in considerazione delle frequenti difficili condizioni meteorologiche;

considerato che il territorio in questione subisce i pesanti contraccolpi negativi che la crisi economica sta riversando su imprese e lavoratori e che, di conseguenza, l'isolamento aumenterebbe ulteriormente la sperequazione fra un territorio già in forte sofferenza e il resto dell'isola;

tenuto conto che sia inaccettabile obbligare gli operatori barbaricini caparbiamente insediati nell'area a subire tale antistorica situazione che rende impossibile il necessario contatto fra essi e i potenziali utenti,

chiede di interrogare il Presidente della Regione per sapere:
1) se sia informato di tale critica situazione venutasi a creare a discapito della comunità fonnese e se ritenga tollerabile lo svilimento degli elementari servizi offerti in un territorio particolarmente esposto a problematiche connesse ai delicati aspetti relativi alla sicurezza dei luoghi e delle persone;
2) se non ritenga necessario avviare un urgente confronto con Telecom per scongiurare lo smantellamento dell'irrinunciabile servizio di telefonia nell'area;
3) se siano stati attivati gli strumenti opportuni per scongiurare immotivate fughe dai territori dalle zone interne da parte dei concessionari delle aziende che forniscono servizi essenziali per le comunità.

Cagliari, 7 aprile 2016