CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 714/A

INTERROGAZIONE COMANDINI, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione dei lavoratori della Cooperativa Sarrabus-Gerrei.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la Cooperativa Sarrabus-Gerrei si è costituita nel 1982, con scopo mutualistico e svolge la propria attività nel campo della vigilanza, delle scorte e della custodia;
- la cooperativa è appaltatrice, talvolta con funzioni di capo fila ATI, di banche, società che operano nel campo della difesa e degli armamenti, enti pubblici quali CACIP, CICT, ASL n. 6, ASL n. 8, ENAS, ARST, villaggi turistici, negozi, stabilimenti e privati;
- nel dettaglio, svolge servizio di vigilanza armata, scorte, ronda e pattugliamento interno ed esterno, trasporti, vigilanza non armata;

considerato che:
- per svolgere il servizio, la cooperativa si avvale di circa 50 dipendenti che dovrebbero svolgere, come da contratto, turni per un massimo di 40 ore settimanali più 8 ore settimanali di straordinario;
- le ore settimanali dovrebbero essere suddivise in turni da 12 ore, su quattro giorni lavorativi, con 3 giorni di riposo e turni da 8 ore, su cinque giorni lavorativi, con 2 giorni di riposo;
- il personale dovrebbe ricevere, con congruo anticipo, regolare ordine di servizio settimanale con i turni, la sede da raggiungere e la tipologia di servizio da svolgere;

preso atto che:
- lo scorso 31 marzo si è appreso dagli organi di stampa tutta una serie di anomalie a carico dei dipendenti che lamentano condizioni di lavoro particolarmente stressanti, con turni troppo lunghi (fino a 300 ore mensili), anche 10 giorni continuativi e senza riposo, spesso assegnati in sedi particolarmente delicate, retribuzione non puntuale e mancato versamento del TFR nel fondo;
- tutto questo ha causato per alcuni dipendenti, anche in considerazione del delicato servizio che svolgono e della precarietà retributiva (tenendo conto che non vi è rimborso carburante), un particolare stress psicofisico che li ha costretti a intervenire terapeuticamente;

precisato che la capacità economico-finanziaria della Cooperativa Sarrabus-Gerrei è garantita dagli appalti pubblici che la stessa si aggiudica e che garantiscono la copertura finanziaria per poter assicurare puntualmente gli stipendi ai propri dipendenti,

chiede di interrogare il Presidente della Regione per sapere:
1) se sia a conoscenza della situazione e cosa intende fare, per quanto di propria competenza, per vigilare ed eventualmente sensibilizzare i vertici della Cooperativa Sarrabus-Gerrei, affinchè si ripristino le condizioni lavorative ed economiche come da contratto;
2) se non si ritenga necessario attivare un monitoraggio sull'affidamento del servizio, affinché si creino le condizioni ottimali per poter svolgere le proprie mansioni, garantendo qualità ed efficienza delle prestazioni, a garanzia dei committenti e a tutela dei lavoratori.

Cagliari, 7 aprile 2016