CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 802/A

INTERROGAZIONE PIZZUTO, con richiesta di risposta scritta, sull'attuale situazione dell'estrazione e della lavorazione dei materiali estrattivi nelle concessioni minerarie di Santa Brà e Rio Palmas da parte della Polar Srl, nella fabbrica di Piscinas e sulla sentenza di reintegro dei tredici lavoratori licenziati nel 2015.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- in data 30 luglio 2015, interrogava l'Assessore regionale dell'industria sulla preoccupante situazione della fabbrica di estrazione e lavorazione di bentonite a Piscinas, provincia di Carbonia-Iglesias, in capo alla Società sarda di bentonite Srl di proprietà della multinazionale elvetica Clariant Spa, trasferita poi alla società Polar Srl con cessione ramo d'azienda;
- in data 29 settembre 2015, l'assessore forniva risposta scritta all'interrogazione;
- essendo emersi ulteriori elementi circa lo svolgersi dei fatti e lo stato della fabbrica di bentonite, è stata presentata dallo scrivente l'ulteriore interrogazione n. 597/A del 10 dicembre 2015, che allo stato non ha ottenuto risposta;

considerato:
- che, nella fabbrica di Piscinas erano impiegati sia lavoratori dipendenti della Società sarda di bentonite Srl che lavoratori dipendenti delle ditte esterne per l'espletamento dei servizi accessori all'attività estrattiva, di trasformazione e trasporto, per un totale di circa 35 unità e che con l'ingresso della Polar Srl, con provvedimenti successivi, la nuova proprietà ha progressivamente ridotto il personale diretto e indiretto di diciannove unità in totale;
- che, in particolare, i 13 dipendenti diretti licenziati nell'agosto del 2015 hanno proposto un ricorso legale che ha trovato pieno accoglimento da parte del giudice del lavoro del tribunale di Cagliari nel luglio 2016, con disposizione di reintegro degli stessi dipendenti presso la Polar Srl;

appreso che risulterebbe che la Polar Srl, nelle scorse settimane, abbia provveduto al trasporto di materiale di cava non precedentemente trattato o lavorato verso altri punti di lavorazione o porti di partenza (Cagliari, Porto Torres);

ritenuto, tuttavia, che:
- nell'ultimo rinnovo della concessione mineraria "Rio Palmas", relativo alla Società sarda di bentonite Srl e il cui contenuto è stato trasferito in capo alla Polar Srl, si stabiliva che l'area veniva rilasciata in concessione mineraria per "la coltivazione di argille bentonitiche";
- nel suddetto rinnovo veniva chiarito il ruolo dello stabilimento di Piscinas nei seguenti termini: "Il materiale abbattuto, sia lo sterile di copertura che la bentonite utile, subisce la seguente movimentazione: la terra vegetale viene asportata e deposta a stock, lo sterile presente entro gli strati produttivi, viene scavato con soli mezzi meccanici, caricato direttamente su camion per il trasporto verso l'area di riabilitazione, e non viene stoccato in nessun punto della miniera, la bentonite segue un'unica destinazione, rappresentata dallo stabilimento di Piscinas";

considerato che, qualora tali elementi relativi al trasporto del materiale grezzo fossero verificati, unitamente alle insistenti voci circa la dismissione della produzione e dell'essicazione e, comunque, dello svolgimento dell'intero ciclo lavorativo presso la fabbrica di Piscinas, si prefigurerebbe una situazione preoccupante per i lavoratori attualmente impiegati e per coloro che dovranno obbligatoriamente essere reintegrati,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'industria
1) per sapere se sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e quali provvedimenti stia mettendo in campo per il monitoraggio costante della situazione della fabbrica Polar Srl di Piscinas;
2) per chiarire in che termini la Polar Srl sia vincolata per il mantenimento della concessione mineraria allo svolgimento delle lavorazioni presso lo stabilimento di Piscinas e se questo sia essenziale per il perdurare della concessione stessa;
3) per capire in che tempi e modi la Polar Srl provvederà al reintegro dei 13 lavoratori licenziati nel 2015.

Cagliari, 19 luglio 2016