CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 806/A

INTERROGAZIONE COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sul paventato trasferimento definitivo della sede operativa del parco eolico "Sa Turrina Manna" di Tula alla sede di Sassari.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- presso il territorio del comune di Tula è presente un impianto di energia eolica dell'Enel, denominato "Sa Turrina Manna", avente una potenza complessiva installata di circa 84 megawatt, con una produzione a regime che può raggiungere circa 126 milioni di Kw/h l'anno;
- la costruzione del suddetto impianto è iniziata da parte di Enel, alla fine degli anni '90, con l'installazione di 28 aerogeneratori da 850 kilowatt, ai quali, visto il sito particolarmente ventoso e favorevole all'installazione, sono state aggiunte altre 40 turbine eoliche della potenza di 1,5 megawatt ciascuna;
- la società Enel spa, per la gestione e la manutenzione della centrale eolica, sin dai primi anni di produzione, ha attivato una sede operativa nel comune di Tula con l'impegno di mantenerla operativa per tutto il periodo di esercizio;

considerato che:
- con complessive 68 turbine eoliche, il parco eolico "Sa Turrina Manna" costituisce uno dei più grandi impianti del genere in Italia, con una produzione in grado di soddisfare il fabbisogno energetico di circa 46.000 famiglie senza immettere nell'atmosfera sostanze dannose per l'ambiente;
- oltre all'impianto eolico "Sa Turrina Manna", nel territorio di Tula, insiste anche l'impianto dell'invaso del Coghinas, gestito sempre da Enel, per la produzione di energia idroelettrica della capacità di ulteriori 22 megawatt;
- pur non avendo una comunicazione ufficiale, appare ormai definitiva la decisione da parte di Enel spa, e della sua controllata Enel green power, di dislocare definitivamente la sede operativa del parco eolico "Sa Turrina Manna" di Tula presso i locali di Sassari;

evidenziato che:
- da parte delle amministrazioni comunali di Tula, che negli anni si sono succedute, c'è sempre stata una fattiva collaborazione con la società Enel spa, anche al fine di consentire lo sviluppo dell'intervento del parco eolico nel pieno rispetto della tutela ambientale e, nel contempo, di promuovere lo sviluppo economico e occupazionale del territorio;
- a fronte degli impegni presi in sede di pianificazione degli interventi, la società Enel spa ha attivato una sede operativa nel territorio di Tula con l'assunzione di sole tre unità lavorative locali su dieci complessive della squadra di intervento;

vista:
- la decisione presa dalla società Enel spa, a seguito di una non ben precisata inidoneità dei locali, di trasferire temporaneamente gli operai della squadra operativa di Tula alla sede di Sassari; la conseguente situazione di disagio per i lavoratori della squadra di intervento, costretti a continui spostamenti tra Sassari e il parco eolico di Tula, e le inevitabili ripercussioni in termini di immediatezza degli interventi di messa in sicurezza degli impianti e di efficacia nelle operazioni di manutenzione;
- la difficoltà dell'amministrazione comunale di Tula ad attivare un dialogo collaborativo con la dirigenza dell'Enel green power, società che attualmente gestisce gli impianti del parco eolico; appurato che:
- la scelta di intervenire con delle "riorganizzazioni" aziendali, sia in termini infrastrutturali che occupazionali, molto spesso coincide con l'incuria e la trascuratezza del presidio comportando un grave danno in termini di sicurezza e di efficacia nella manutenzione degli impianti;
- il mantenimento di importanti sedi operative nel territorio strettamente legate alle attività produttive e industriali consente di limitare il fenomeno dello spopolamento, specialmente delle aree interne della Sardegna, contribuendo allo sviluppo economico e occupazionale dei piccoli centri;

valutata:
- l'importanza della sede operativa Enel del parco eolico di ''Sa Turrina Manna" non solo per i lavoratori residenti nel comune di Tula e per tutte le attività del territorio occupate nell'indotto, ma anche in termini di sicurezza e controllo ambientale;
- la grande preoccupazione delle comunità interessate sulla possibilità di vedere disattese, una volta messe a disposizione le risorse ambientali del territorio, le aspettative economiche e occupazionali promesse da Enel spa in fase di programmazione dell'intervento,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'industria per sapere:
1) quali azioni intendano assumere al fine di esercitare una ferma e convinta sollecitazione nei confronti di Enel green power, affinché la sede operativa del parco eolico di "Sa Turrina Manna" non sia definitivamente trasferita dalla sede di Tula alla sede di Sassari;
2) quali iniziative intenda assumere la Regione nei confronti di Enel spa, al fine di dare alla comunità di Tula la giusta e attesa contropartita in termini di posti di lavoro e di indotto promessi in fase di programmazione del parco eolico.

Cagliari, 20 luglio 2016