CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 807/A

INTERROGAZIONE PIZZUTO, con richiesta di risposta scritta, sulla paventata chiusura della struttura "Casa dell'anziano" di Carbonia.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- a Carbonia è presente una struttura di accoglienza per la terza età chiamata "Casa dell'Anziano" che ospita soggetti anziani non autosufficienti da circa quarant'anni;
- nell'ottobre del 2012 la struttura è stata presa in gestione dalla cooperativa sociale Cooperativa Beata Antonia Mesina (CAM) e ha preso in carico sia i 34 ospiti già presenti sia (mediante la sigla di accordi sindacali) tutti i dipendenti a tempo indeterminato;

considerato che in data 12 luglio 2016 il Comune di Carbonia ha presentato una diffida alla Cooperativa CAM, intimandone lo sgombero entro 20 giorni dalla ricezione per ragioni di sicurezza e per la necessità di garantire l'incolumità degli ospiti e dei dipendenti;

tenuto conto che la situazione finanziaria e strutturale della casa dell'anziano versava già in condizioni di criticità al momento del passaggio in gestione alla cooperativa CAM, stante problemi fognari, idraulici, guasti negli impianti (riscaldamento) e arretrati nel pagamento delle utenze;

appreso che:
- il proprietario dell'immobile in cui è situata la "Casa dell'anziano" è l'Agenzia regionale per l'edilizia abitativa (AREA) e, in base al contratto, mentre i lavori di ordinaria manutenzione sono a carico del gestore, i necessari e improcrastinabili lavori straordinari sono a carico della stessa agenzia;
- nel secondo semestre del 2013, in seguito ad una richiesta di autorizzazione per la struttura da parte della cooperativa CAM e alla luce delle ispezioni degli enti preposti, la stessa cooperativa in accordo con gli uffici del Comune di Carbonia e dell'ente proprietario dello stabile (AREA) presenta un cronoprogramma di 24 mesi per la programmazione e l'effettuazione degli interventi necessari per la messa a norma dell'immobile, con precisa indicazione degli adempimenti in capo al gestore e ad AREA;

considerato che le interlocuzioni, formali e informali, tra la cooperativa CAM, l'AREA e il Comune per la messa in sicurezza dell'immobile sono in corso da almeno un biennio e mentre la cooperativa, compatibilmente con le proprie capacità finanziarie, ha operato per risolvere alcuni dei problemi ordinari, l'Agenzia regionale non ha ancora adempiuto a tutti i passaggi burocratici e materiali per garantire la permanenza degli ospiti nella struttura;

ritenuto che:
- occorra scongiurare lo sgombero della struttura che vedrebbe il trasferimento dei 20 utenti anziani che vi risiedono e che, al momento, non hanno ulteriori possibilità di collocazione presso altre strutture sociali, essendo la "Casa dell'Anziano" l'unica struttura presente nella città di Carbonia;
- sia necessario tutelare i 18 lavoratori che prestano il proprio servizio presso la struttura;

tenuto conto che se è vero che è necessario tutelare l'incolumità degli ospiti e dei dipendenti, è anche non più rimandabile una seria programmazione dei lavori di ristrutturazione cui l'Agenzia AREA si era, anche in passato, resa disponibile ma che ancora oggi non sono stati effettuati,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dei lavori pubblici per:
1) sapere se sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa;
2) chiarire quali atti e interlocuzioni formali voglia intraprendere per sollecitare con la massima urgenza l'intervento di AREA per i lavori di messa in sicurezza dello stabile che ospita la "Casa dell'Anziano" di Carbonia;
3) conoscere se e in quale misura l'Assessorato possa agire per un monitoraggio costante sulle proprietà e sugli interventi nelle proprietà di AREA utilizzate per scopi sociali.

Cagliari, 20 luglio 2016