CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 809/A

INTERROGAZIONE PISCEDDA - MORICONI - DERIU - COZZOLINO - SOLINAS Antonio - MELONI - COMANDINI - LOTTO - MANCA Gavino - COLLU - DEMONTIS - SABATINI - PINNA Rossella, con richiesta di risposta scritta, sullo stato di calamità naturale per l'emergenza provocata dall'affezione del lepidottero Tuta absoluta e conseguente danneggiamento delle colture orticole di pomodoro e altre solanacee nel territorio di Decimopuztu e aree limitrofe.

***************

I sottoscritti,

premesso che nel territorio comunale di Decimoputzu, durante la stagione 2015/2016 si sono registrate piogge che con le elevate temperature hanno favorito uno sviluppo eccezionale, nelle colture orticole di pomodoro e altre solanacee, dell'affezione del lepidottero Tuta absoluta causando gravissimi danni nella qualità e nella quantità della produzione;

considerato che la coltura orticola di pomodoro rappresenta una importante fonte di reddito per numerose aziende agricole del territorio;

rilevato che gli agricoltori di Decimoputzu hanno segnalato i danni alle colture di pomodoro con conseguente danno e calo della produzione;

richiamato l'articolo 4, comma 21, della legge regionale 11 marzo 2009, n. 1, recante interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole;

preso atto che, per le ragioni in premessa, con deliberazione della Giunta comunale di Decimoputzu n. 87 del 28 giugno 2016 è stato dichiarato lo stato di calamità naturale in tutto il territorio comunale ai sensi dell'articolo 2 della legge regionale n. 28 del 1985, chiedendo contestualmente alla Regione autonoma della Sardegna:
a) il riconoscimento dello stato di calamità naturale di eccezionale gravità;
b) di effettuare straordinari e urgenti sopralluoghi per la verifica e l'accertamento della situazione di emergenza e di estrema gravità verificatasi nel territorio di Decimoputzu;
c) la concessione di aiuti economici da quantificare ai sensi della normativa in vigore per i danni subiti dalle aziende agricole;

appreso altresì che analoghi disagi si sono registrati nei territori limitrofi con conseguenze rilevanti per le aziende coinvolte, già afflitte dalla perdurante crisi economica, con gravi ripercussioni sull'economia delle zone interessate;

dato atto di quanto sopra,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale e l'Assessore regionale del'agricoltura e riforma agro-pastorale al fine di sapere quali provvedimenti e interventi di sostegno alle imprese e alle attività produttive in difficoltà ad oggi siano stati adottati e/o si intendano adottare per fronteggiare la situazione di emergenza,

chiedono altresì di verificare la possibilità di adottare con immediatezza lo stato di calamità naturale per tutti i territori colpiti dalla affezione del lepidottero Tuta absoluta, che ha danneggiato gravemente il settore produttivo, e di procedere prontamente con il dovuto riconoscimento dei danni ai soggetti colpiti, al fine di agevolare una pronta ripresa dei comparti produttivi isolani, già gravati da note e perduranti sofferenze.

Cagliari, 22 luglio 2016