CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 810/A

INTERROGAZIONE PIZZUTO, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione delle guide turistiche operanti presso i siti minerari del Parco geominerario e sulla necessità di una pianificazione unitaria a medio-lungo termine.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- il Sulcis Iglesiente è un territorio ricco di attrattive naturali e culturali e che, tra queste, sono presenti i siti minerari facenti parte della rete territoriale gestita dal Parco geominerario;
- per rendere maggiormente qualitativa la fruizione dei siti agli utenti era stato previsto l'utilizzo di professionisti qualificati attraverso la creazione di una lista di guide turistiche professioniste, il cui elenco è stato istituto con delibera n. 34/2015 del Commissario straordinario del parco;
- nonostante la buona risposta dell'utenza e una discreta qualità del servizio, si rileva una mancanza di programmazione generale nella pianificazione dell'offerta turistica e nel coordinamento di tutti gli enti coinvolti (Parco geominerario, Igea Spa, comuni, Regione) e tale aspetto ha portato negli ultimi tempi a disservizi e criticità nell'uso delle guide turistiche e negli orari di apertura al pubblico;

considerato che:
- il 16 ottobre 2001 il Ministro dell'ambiente firma il decreto istitutivo del Parco geominerario storico ambientale della Sardegna;
- nel 2007 al parco viene confermato il suo valore internazionale con l'inserimento nella rete europea e globale GEOPARKS dell'UNESCO, con l'obiettivo di recuperare, tutelare e valorizzare un patrimonio geologico, minerario, storico e ambientale unico al mondo;

evidenziato che nel corrente mese di luglio 2016 si paventava la chiusura dei siti minerari dei comuni di Iglesias (in particolare Porto Flavia) e Buggerru (Galleria Henry) per criticità relative sia alla mancata approvazione del bilancio di previsione 2016 del Parco geominerario, sia al mancato rinnovo delle convenzioni con i comuni, sia al mancato rinnovo dei contratti (a termine) delle guide turistiche di cui alla short list sopra citata;

tenuto conto che il Ministero dell'ambiente, in esito ai chiarimenti dati dal commissario straordinario del Parco geominerario, Avv. Francesco Mascia, ha approvato in via provvisoria il bilancio di previsione 2016 presentato dal Parco geominerario deliberato il 1° marzo 2016;

appreso che:
- risulta che i due Comuni di Iglesias e Buggerru, Igea e Parco geominerario abbiano firmato la proroga fino al 30 settembre per permettere l'apertura e la fruizione dei siti minerari ricadenti negli stessi comuni, attraverso l'utilizzo delle guide turistiche del parco, alcuni operatori di Igea e alcuni operatori dei comuni coinvolti;
- alcuni amministratori hanno dichiarato che a breve verrà formalizzata una proposta di acquisizione dei siti minerari ricadenti in territorio comunale con l'obiettivo della gestione del sito, della sua manutenzione ordinaria, del programma di utilizzo e della gestione delle guide turistiche interamente in capo al singolo comune;

ritenuto che:
- sia, invece, necessario "avviare una pianificazione condivisa delle attività al fine di creare una rete dei siti del Parco che miri ad una visione unitaria e partecipata di tutto il Parco e, dunque, rendere più forte l'azione di recupero e salvaguardia e migliorare l'offerta culturale e turistica delle aree del Parco";
- sia auspicabile per lo sviluppo di maggiori sinergie e il raggiungimento di obiettivi a livello territoriale tenere la gestione unitaria dei siti minerari a fini culturali e turistici e usufruire dell'esperienza e delle dotazioni materiali, immateriali e umane del Parco geominerario e di Igea Spa;
- sia basilare, per sviluppare un progetto di medio-lungo periodo, operare in sinergia tra comuni nei cui territori i siti ricadono, il Parco geominerario, Igea Spa e la Regione, in particolare gli Assessorati dell'industria e del turismo, artigianato e commercio;

appreso che la Comunità del parco è stata convocata in data 26 luglio 2016 per esaminare il piano di gestione che, previa approvazione della Giunta regionale, dovrà consentire la ordinata e stabile gestione dei siti minerari per il futuro e che, nell'occasione, il coordinamento del Piano Sulcis ha comunicato che il Ministero dei beni culturali ha sottoscritto il decreto di riforma del Parco geominerario,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'industria e l'Assessore regionale del turismo, artigianato e commercio per:
1) sapere se siano a conoscenza dei fatti esposti in premessa;
2) capire se esiste una pianificazione congiunta tra i due Assessorati regionali e se si operi nella direzione di una gestione territoriale unitaria;
3) chiarire quali atti e interlocuzioni formali vogliano intraprendere per la razionalizzazione e la valorizzazione della rete dei siti minerari sulcitani.

Cagliari, 26 luglio 2016