CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 824/A

INTERROGAZIONE TEDDE, con richiesta di risposta scritta, circa la situazione d'incertezza in cui versano i docenti di ruolo della Provincia di Sassari soprannumerari delle classi di concorso C260, C270, C290, C320.

***************

Il sottoscritto,

premesso che nel tempo, a causa del calo demografico, della diminuzione delle iscrizioni e della conseguente soppressione dei corsi di studio, le classi di concorso C260, C270, C290 e C230, attive presso la Provincia di Sassari, hanno fatto registrare un numero crescente di docenti di ruolo soprannumerari fino ad arrivare al punto che per tali classi di concorso il numero di docenti di ruolo è superiore a quello delle cattedre disponibili;

premesso, altresì, che i docenti di ruolo della Provincia di Sassari soprannumerari hanno mediamente un'età compresa tra i 50 e 60 anni e un'anzianità di servizio di 30 anni e che per essi, perduta la titolarità della cattedra, si è reso necessario il contestuale trasferimento in un primo momento nelle cosiddette DOP (Dotazione Organica Provinciale) per diventare successivamente "titolari in provincia";

rilevato che lo status attuale dei docenti soprannumerari li pone nella condizione di essere ogni anno impiegati provvisoriamente in tutto territorio della Provincia di Sassari, laddove vi è un'esigenza per sostituzioni parziali e temporanee che richiedono continui cambiamenti di sede e li costringe talvolta a svolgere la docenza in località anche molto lontane dall'abituale dimora;

rilevato, altresì, che nell'ambito del quadro normativo disegnato dalla legge 13 luglio 2015, n. 107, meglio conosciuta come "La Buona Scuola", con la quale è stato riformato il sistema scolastico nazionale, vi sono alcune disposizioni che prevedono la definitiva collocazione dei suddetti docenti e il loro rientro nel sistema scolastico attraverso l'assegnazione dei posti cosiddetti "di potenziamento" creati e disponibili nelle diverse scuole;

osservato che ciò pare sia avvenuto anche in Sardegna, in Provincia di Cagliari, ma non nel territorio della Provincia di Sassari nel quale i docenti delle classi di concorso C260, C270, C290 e C320 sono rimasti esclusi dall'applicazione dei benefici previsti dalla riforma, permanendo per loro lo stato d'incertezza nel quale si trovano ogni anno a operare, acuito dall'età anagrafica e dalla consapevolezza che nonostante possano vantare un'anzianità di servizio trentennale ciò non sia sufficiente a stabilizzarne la collocazione e l'assegnazione definitiva della sede;

osservato, altresì, che la disparità di trattamento tra i docenti soprannumerari della Provincia di Cagliari e della Provincia di Sassari pare non trovare giustificazioni oggettive e spiegazioni razionali che possano spiegare le ragioni che hanno consentito all'Ufficio scolastico regionale della Sardegna di far rientrare nelle scuole i docenti delle classi di concorso del cagliaritano e di lasciare fuori, invece, quelli del sassarese,

chiede di interrogare il Presidente della Regione per conoscere:
1) quali siano le azioni che l'Amministrazione regionale intende intraprendere presso la direzione generale dell'Ufficio scolastico regionale della Sardegna al fine di conoscere le ragioni che, in applicazione delle disposizioni contenute nella legge 13 luglio 2015, n. 107, con la quale é stato riformato il sistema scolastico nazionale, meglio conosciuta come "La Buona Scuola", hanno spinto il suddetto ufficio a dar corso all'assegnazione della sede ai docenti delle classi di concorso soprannumerari della Provincia di Cagliari ma non anche a quella in favore dei docenti di ruolo della Provincia di Sassari delle classi di concorso C260, C270, C290 e C320;
2) quali siano gli interventi che l'Amministrazione regionale intende effettuare presso l'Ufficio scolastico regionale affinché nel rispetto delle norme vigenti si giunga al risultato, ottenuto in altre regioni d'Italia e nella Provincia di Cagliari, di consentire l'assegnazione definitiva della sede ai docenti di ruolo della Provincia di Sassari soprannumerari delle classi di concorso C260, C270, C290 e C320, attualmente costretti ogni anno a svolgere la docenza per sostituzioni parziali e temporanee che richiedono continui cambiamenti di sede e li costringe talvolta a recarsi presso sedi anche molto lontane dall'abituale dimora.

Cagliari, 8 agosto 2016