CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 851/A

INTERROGAZIONE CRISPONI - DEDONI - COSSA, con richiesta di risposta scritta, sul precario stato di manutenzione di ampi tratti stradali sulla strada statale n. 131 DCN.

***************

I sottoscritti,

premesso che la rete stradale ricadente sotto la responsabilità dell'ANAS, in particolare la strada statale n. 131 DCN, rete viaria di particolare rilievo in considerazione dell'elevatissimo traffico veicolare da e per il centro Sardegna, versa in un vergognosa condizione di precaria manutenzione;

considerato che il manto stradale, in particolare nel tratto compreso fra il km 49 e il km 39 in direzione sud Sardegna a partire dalla galleria di Prato Sardo fino all'altezza dello svincolo per Macomer-Sassari, evidenzia le maggiori criticità in termini di buche stradali, sfaldamenti dell'asfalto, compresenza di gradini orizzontali e longitudinali lungo il senso di marcia;

valutato che le conseguenti ricadute in ordine alla sicurezza della circolazione stradale si riverberano su automobilisti, lavoratori e studenti che in grandissimo numero vi transitano quotidianamente anche per il tramite di mezzi pubblici;

preso atto che i problemi denunciati si sommano alle purtroppo note innumerevoli carenze infrastrutturali della rete di collegamenti viari interni del centro Sardegna, mortificando la libertà di movimento e il diritto alla mobilità dei cittadini residenti in quei territori o in transito verso altre aree isolane, aggiungendo ad una mobilità interna da terzo mondo ulteriori condizioni di isolamento delle piccole comunità locali,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere se:
1) la Giunta regionale voglia sollecitamente intervenire presso i vertici dell'ANAS, richiamandoli ad un urgente intervento di ripristino delle condizioni di sicurezza del tratto stradale dal km 43 al km 39 della strada statale n. 131 DCN, anche in considerazione dell'arrivo della stagione delle piogge, garantendo il rispetto dovuto alle popolazioni e ai cittadini del centro Sardegna e a tutti gli automobilisti obbligati alla fruizione dell'arteria stradale in termini di evidente insicurezza e pericolosità;
2) non sia legittimo pretendere dall'ANAS una efficiente organizzazione di attività di controllo della rete stradale regionale affinché vengano predisposti organici interventi di manutenzione nei tratti ad alto rischio per la mobilità e la circolazione del traffico veicolare pubblico e privato.

Cagliari, 22 settembre 2016