CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 856/A

INTERROGAZIONE TOCCO - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - CARTA Angelo - RANDAZZO - ZEDDA Alessandra - TEDDE - TUNIS, con richiesta di risposta scritta, sull'eventuale smembramento del reparto di chirurgia plastica dell'Azienda ospedaliera Brotzu di Cagliari.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- si apprende dell'orientamento dell'Azienda ospedaliera universitaria di Cagliari finalizzato al reperimento di personale responsabile per il dipartimento di chirurgia plastica, attraverso chiamate dirette di primari e/o professori provenienti da altre realtà;
- con tale atto si produrrebbe, di conseguenza, lo smembramento del reparto di chirurgia plastica del Brotzu;

accertato che la Regione dovrebbe avviare il processo di riforma del sistema sanitario regionale mediante disposizioni urgenti finalizzate a:
a) garantire la tutela della salute come diritto fondamentale dell'individuo e interesse della collettività;
b) riorganizzare il sistema sanitario regionale mediante il rafforzamento delle attività territoriali e la razionalizzazione della rete ospedaliera;
c) adeguare l'assetto istituzionale e organizzativo, prevedendo una riduzione del numero delle aziende sanitarie locali, rispetto all'attuale, in coerenza con le norme di riordino del sistema degli enti locali;
d) garantire il miglioramento della qualità e dell'adeguatezza dei servizi sanitari e socio-sanitari in ogni territorio, attraverso il rafforzamento di quelli esistenti, l'efficientamento delle strutture organizzative, garantendo forme di partecipazione democratica e mantenendo l'autonomia dei territori periferici nelle politiche socio-sanitarie;
e) attuare politiche di prevenzione delle malattie e di promozione della salute e del benessere delle persone, incentivando la diffusione di corretti stili di vita sotto i profili dell'attività motoria, della pratica sportiva e dell'educazione alimentare e ambientale;
f) rafforzare il governo del servizio sanitario regionale, anche mediante la riassunzione nell'Assessorato regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale delle funzioni già assegnate all'Agenzia regionale della sanità;
g) ridurre il disavanzo della spesa regionale sanitaria, in applicazione della normativa nazionale in materia di fabbisogni e costi standard;
h) riorganizzare il sistema dell'emergenza-urgenza, della rete territoriale di assistenza e della medicina del territorio;

evidenziato che il raggiungimento di tali principi potrà essere compiuto solo mediante un adeguato standard di pianta organica all'interno delle diverse strutture ospedaliere, con il raggiungimento dei principi di efficienza e adeguatezza dei servizi, con dei responsabili idonei a raggiungere tali finalità;

rilevato che:
- in base agli ultimi provvedimenti si segnala chiaramente l'intenzione di un frazionamento del reparto di chirurgia plastica con la previsione di un dipartimento nel Policlinico universitario;
- è illogico e insensato avere un altro reparto a Monserrato, sarebbe opportuno, invece, potenziare l'impianto esistente al Brotzu dotandolo di risorse economiche e umane evitando così ulteriori doppioni per rispondere ad altre logiche clientelari;

valutato che il personale preposto alla guida del reparto nell'azienda ospedaliera universitaria non appare avere idonei requisiti per svolgere tali funzioni;

stimato che:
- il suddetto reparto costituisce uno dei fiori all'occhiello del Brotzu, con strumentazioni all'avanguardia, infermieri e medici di alto livello; un punto di riferimento unico nel sud Sardegna;
- va dunque perseguita ogni situazione tesa a produrre risultati all'avanguardia per aumentare lo stato di qualità della sanità nell'isola, riducendo le attuali difficoltà del sistema medico sanitario;

annotato che, nella struttura del Brotzu, all'interno del reparto di chirurgia plastica, figura tra l'altro un medico facente funzioni che attende da anni le procedure finalizzate a un ulteriore riconoscimento professionale, atto che andrebbe previsto per potenziare tale complesso;

dato atto che:
- la disgregazione del reparto è un pericolo da evitare;
- all'interno dell'ospedale sul colle San Michele, il dipartimento di chirurgia plastica è considerato un'eccellenza per ustionati e pazienti con tumori alla pelle provenienti da tutta l'isola;
- lo smantellamento del reparto potrebbe colpire in modo drastico uno dei settori diventato negli anni un modello per la sanità isolana;

rimarcato che si considera che la gestione e l'organizzazione dei servizi sanitari pubblici debbano avere tra i principi fondamentali la garanzia e la promozione della qualità e la sicurezza dei servizi sanitari e delle cure erogate per un elevato standard dei servizi a favore dei cittadini,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale,
1) per sapere se sia a conoscenza della volontà di smembramento del reparto di chirurgia plastica dell'Azienda ospedaliera Brotzu attraverso procedure atte a reperire dei responsabili da altre realtà;
2) per valutare la possibilità di un potenziamento del suddetto reparto del Brotzu, evitando il frazionamento con l'Azienda universitaria di Cagliari e mediante le dovute procedure per il responsabile facente funzioni.

Cagliari, 28 settembre 2016