CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 879/A

INTERROGAZIONE TRUZZU, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione dei lavoratori della Società bonifiche sarde (SBS).

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- la Società bonifiche sarde, utile sempre ricordarlo, costituisce da tempo un pezzo di storia fondamentale per la crescita agricola e industriale della nostra Regione, e ha contribuito in maniera importante all'ammodernamento dei sistemi produttivi e sociali dell'Isola;
- la suddetta società, benché controllata dalla Regione autonoma della Sardegna tramite l'Agenzia LAORE, è da tempo in liquidazione, condizione che ha causato un lento e inesorabile scoramento tra i dipendenti;

considerato che:
- è doveroso sottolineare che le maestranze hanno acquisito negli anni comprovata professionalità e la condizione liquidatoria della Società bonifiche sarde non è certo responsabilità attribuibile alle stesse;
- già nel recente passato la Regione è intervenuta per garantire la continuità lavorativa dei 26 dipendenti della Società bonifiche sarde attraverso la legge regionale n. 40 del 2013, in particolare con l'articolo 6;

visto che la legge regionale n. 40 del 2013, all'articolo 6, prevedeva e acconsentiva all'utilizzo delle maestranze della SBS, per un periodo di tre anni, da parte dell'Ente foreste, oggi divenuta Agenzia FoReSTAS;

rilevato che il periodo triennale di utilizzo termina il 31 dicembre 2016 e ad oggi i 26 dipendenti della SBS non hanno avuto nessun tipo di rassicurazione o quantomeno di contatto con l'Amministrazione circa la volontà di trasformare il rapporto lavorativo in maniera continuativa all'interno dell'Agenzia FoReSTAS o del sistema Regione;

ritenuto ingiustificato perdere delle professionalità oramai acquisite all'interno dell'Agenzia FoReSTAS e lesivo dei diritti del lavoratore non valutare nessun tipo di soluzione che garantista la continuità lavorativa in un momento storico in cui nel settore è sempre più forte il bisogno di professionalità acclarate,

chiede di interrogare il Presidente della Regione, l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente, l'Assessore degli affari generali, personale e riforma della Regione e l'Assessore regionale della programmazione, bilancio, credito e assetto del territorio per sapere se:
1) siano consapevoli della situazione che vivono i lavoratori della Società bonifiche sarde;
2) conoscano e intendano rendere noto lo stato della trattativa per la vendita del compendio aziendale della Società bonifiche sarde Spa in liquidazione e contestuale concessione dei terreni agricoli dell'Agenzia LAORE Sardegna;
3) ritengano utile e opportuno prorogare i percorsi occupazionali per i dipendenti della SBS previsti dalla legge regionale n. 40 del 2013.

Cagliari, 18 ottobre 2016