CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 892/A

INTERROGAZIONE COSSA, con richiesta di risposta scritta, sugli aspetti autorizzativi inerenti alle installazioni di aerogeneratori con potenza inferiore a 60 kw (minieolico).

***************

Il sottoscritto,

premesso che la Regione ha modificato, con la deliberazione della Giunta regionale n. 3/17 del 16 gennaio 2009, lo "Studio per l'individuazione delle aree in cui ubicare gli impianti eolici" nel quale sono inserite le linee guide di inserimento del microeolico (impianti di potenza non superiore a 3 kw, con torri di altezza media di 10 m e un rotore non superiore a 6 m di diametro) e del minieolico (impianti di potenza dai 3 ai 60 kw, con torri di altezza al mozzo non superiore ai 30 m e con un rotore non superiore a 10 m di diametro);

considerato che, a seguito delle sentenze della Corte costituzionale n. 224/2012 e n. 199/2014, la Regione ha individuato, con deliberazione della Giunta regionale n. 40/11 del 7 agosto 2015, le aree e i siti non idonei all'installazione degli impianti eolici, definendo, solo ai fini dell'individuazione delle aree non idonee, una nuova classificazione degli aerogeneratori riferita esclusivamente alle dimensioni e non alla potenza;

tenuto conto che la circolare emanata dalla direzione generale dell'Assessorato regionale della difesa dell'ambiente il 14 aprile 2016 ha precisato che i criteri di inserimento del minieolico nel territorio, riportati al punto 5.3 dell'allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. 3/17 del 2009, si applicano alle macchine che rispettano tutti i requisiti indicati al punto 5.2 del citato allegato (potenza dai 3 ai 60 kw con torri di altezza al mozzo non superiore ai 30 m e con un rotore non superiore a 10 m di diametro);

valutato che la circolare su richiamata ha, inoltre, previsto che per gli aerogeneratori che, pur con potenza inferiore a 60 kw, non rispettano i requisiti geometrici previsti per il minieolico si deve fare riferimento al quadro regolamentare indicato per il "grande eolico";

sottolineato che parrebbe non esistere sul mercato un impianto aerogeneratore che rispetti tutti i requisiti (di potenza e geometrici) indicati al punto 5.2 dell'allegato alla deliberazione della Giunta regionale n. 3/17 del 2009 (definizione del minieolico);

evidenziato che, pertanto, anche l'aerogeneratore con potenza pari o inferiore a 60 kw (minieolico) che non rispetta i requisiti geometrici deve essere assoggettato ai criteri di inserimento riferiti al grande eolico;

constatato che la carenza di una specifica e chiara norma regionale sull'installazione degli impianti eolici lascia ai tecnici comunali la valutazione discrezionale in sede di istruttoria, dalla quale possono generarsi inutili e onerosi contenziosi tra ente locale e imprese,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere:
1) se siano a conoscenza di quanto su esposto;
2) se non ritengano di dover intervenire sulle linee guida per l'inserimento nel territorio degli aerogeneratori con potenza pari o inferiore a 60 kw (minieolico) per contenere il livello di discrezionalità del tecnico comunale che, anche senza competenza specifica, è costretto a effettuare comunque le valutazioni in sede di istruttoria.

Cagliari, 3 novembre 2016