CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 899/A

INTERROGAZIONE TOCCO, con richiesta di risposta scritta, in merito ai disservizi nei collegamenti marittimi tra Carloforte e Portovesme, connessi al naviglio impiegato.

***************

Il sottoscritto,

premesso che dal 1° aprile 2016, la compagnia di navigazione Delcomar svolge in regime di monopolio i collegamenti marittimi diurni e notturni tra Carloforte, Portovesme e Calasetta, essendo risultata vincitrice di appositi bandi regionali;

considerato che le due unità navali GB Conte e Anna Mur acquisite dalla Delcomar, con oltre trent'anni di servizio svolto a sud dell'Inghilterra, dopo soli pochi mesi di utilizzo nel canale di San Pietro, peraltro in condizioni meteomarine prevalentemente favorevoli, hanno evidenziato limiti dovuti a vetustà e varie criticità operative, non ultime ripetute perdite d'olio ai propulsori patite dal traghetto Anna Mur, attualmente ai lavori di manutenzione in bacino di carenaggio oltre isola insieme al gemello GB Conte;

accertato che in base al contratto di servizio stipulato tra la Regione e l'armatore privato, all'articolo 17 (Disponibilità dei mezzi nautici), si rimarca come "in caso di soste prolungate oltre 15 giorni ed in caso di soste per manutenzioni programmate di durata superiore a 15 giorni, la compagnia si impegna a garantire la disponibilità a qualunque titolo di navi sostitutive equivalenti o superiori a quelle utilizzate per il servizio regolare";

rilevato che in difformità a quanto sopra, la Delcomar a fine ottobre 2016 ha invece sostituito il traghetto GB Conte, ai lavori di manutenzione in bacino per almeno un mese, con unità navale decisa¬mente inferiore (per anzianità, capienza a capacità di navigazione) tipo "La Maddalena", così come già avvenuto nel luglio scorso per il traghetto Anna Mur (sosta superiore ai 15 giorni e sostituzione con unità navale tipo "La Maddalena");

accertato che, sempre in base al sopracitato contratto di servizio, all'articolo 23 (Decurtazioni e penali), è prevista "una penale pari a 0,5 volte il corrispettivo contrattuale giornaliero della linea interessata, in caso di sostituzione di unità navali in maniera difforme a quanto previsto all'art. 17, comma 3", prevedendo altresì che "la Regione, successivamente al procedimento sanzionatorio, diffida la compagnia ad adempiere agli obblighi contrattuali nei tempi a essa stabiliti ed in caso di ingiustificato mancato assolvimento, procede alla risoluzione del contratto";

constatato che la situazione dei collegamenti marittimi tra Carloforte e Portovesme, dal 3 novembre 2016 vede in servizio le navi Ichnusa (della società Blu Navy, giunta estemporaneamente da Santa Teresa di Gallura, mentre stava recandosi in Sicilia per un fermo tecnico), La Maddalena e gemello Arbatax e palesa, oltreché una chiara difformità rispetto a quanto previsto nel contratto di servizio, un evidente disservizio, in termini di capienza e capacità operative di navigazione nel canale di San Pietro, al punto da determinare gravi disagi e disordini sociali all'ordine del giorno agli imbarchi,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei trasporti sulla necessità:
1) di intervenire prontamente per richiamare la compagnia di navigazione Delcomar al rispetto del contratto di servizio, in merito a quanto indicato circa la sostituzione del naviglio impiegato in caso di sosta oltre i 15 giorni, applicando le penali previste ed intimando la risoluzione del contratto, in caso (supportato dai fatti) di ripetute inadempienze;
2) di indurre la Delcomar a considerare, sempre in base alle indicazioni del bando, nella tratta Carloforte-Portovesme e viceversa, l'impiego di naviglio meno vetusto e maggiormente idoneo a quello finora utilizzato, in particolare considerando le probabili prossime condizioni meteo marine non favorevoli, tipiche del periodo invernale.

Cagliari, 10 novembre 2016