CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 903/A

INTERROGAZIONE UNALI, con richiesta di risposta scritta, sull'esclusione da parte della commissione regionale dal "Programma di sviluppo rurale per la Sardegna 2014-2020. Misura 19" dei piani di azione dei GAL Anglona-Romangia e Sarrabus, Gerrei, Trexenta.

***************

Il sottoscritto,

premesso che l'Unione europea e la Regione riconoscono ad alcuni territori, caratterizzati da un'economia di tipo spiccatamente agricolo, la possibilità di promuovere un piano organico di sviluppo rurale, studiato sulle esigenze del territorio e sulle sue specificità;

rilevato che i piani di sviluppo locale dei GAL si propongono di promuovere lo sviluppo economico valorizzando le produzioni locali e incentivando la diversificazione delle attività imprenditoriali agricole a sostegno delle produzioni e del turismo;

premesso altresì che l'area di intervento dei GAL comprende zone ricche di differenze territoriali e ambientali e che la maggior parte dei comuni del GAL Anglona e Romangia è classificata come area C1 - stato di malessere demografico;

preso atto che con determinazione n. 16532-550 del 28 ottobre 2016 nella graduatoria di merito e attribuzione risorse dei piani di azione non sono stati ammessi al finanziamento il GAL Anglona-Romangia con punteggio 69 e il GAL Sarrabus-Gerrei-Trexenta con punteggio 62, così come si evince dall'allegato n. 1 alla suddetta determinazione;

considerato che con l'esclusione dei territori dei GAL Anglona e Romangia e Sarrabus, Gerrei, Trexenta dai piani di azione si determinano tutti quegli effetti negativi anche in termini di ricadute occupazionali, di occasioni imprenditoriali perdute, in un Regione come la Sardegna bisognosa di opportunità,

chiede di interrogare l'Assessore regionale dell'agricoltura e riforma agro-pastorale per conoscere:
1) i criteri nella definizione della graduatoria;
2) quali provvedimenti intenda assumere, con urgenza, per giungere alla definizione dell'istruttoria della suddetta procedura in modo da rendere possibile ai soggetti interessati la conoscenza dei criteri adottati e dare quindi seguito ai programmi e ai progetti;
3) se non sia urgente prevedere ulteriori stanziamenti affinché i territori dei GAL non abbiano a patire aggiuntive sofferenze.

Cagliari, 11 novembre 2016