CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 924/A

INTERROGAZIONE ZEDDA Alessandra - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - RANDAZZO - TEDDE - TUNIS - TOCCO, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione della compagnia Meridiana.

***************

I sottoscritti,

premesso che, a seguito della vertenza con la quale è stato siglato l'accordo quadro, in data 26 giugno 2016, che prevede un piano di investimenti da parte della Qatar Airwais nella compagnia Meridiana Fly, grazie al quale potremmo assistere a una strutturale ripresa e conseguente sviluppo della seconda compagnia aerea italiana;

considerato che, a seguito della firma di tale accordo quadro, al momento nulla è accaduto e ci preoccupa l'assordante silenzio del Qatar, che avrebbe dovuto ufficializzare formalmente il proprio ingresso nella compagnia a ottobre, cosa che non è avvenuta e, da quel poco che è dato sapere, sembrerebbe che l'operazione si stia prolungando ulteriormente;

preso atto che:
- la presenza di Meridiana Fly nel territorio regionale, nonché gallurese, ha contribuito a un concreto sviluppo dell'economia, non solo per la consistenza dell'azienda in termini di occupazione, ma per le caratteristiche stesse della compagnia che ha contribuito e contribuisce ad abbattere la condizione di isolamento della comunità regionale e concorre a realizzare la mobilità e la continuità territoriale dei sardi;
- con la presenza e il consolidamento negli anni di Meridiana si sono poste le basi per garantire in modo significativo lo sviluppo del territorio attraverso il potenziamento di un settore strategico come quello del turismo, che ha prodotto grandi benefici per l'intera Sardegna;

considerato che, in questo periodo di "vacatio", dove non si hanno certezze sulla proprietà della società, il management Meridiana porta avanti delle azioni che fanno presuppone lo svuotamento delle sedi sarde verso la penisola con il rafforzamento della controllata Air Italy;

preso atto che:
- siamo palesemente di fronte a una delocalizzazione della compagnia, un tempo considerata dei sardi e della Sardegna; infatti è di pochi giorni fa la notizia della chiusura della sede di Cagliari con conseguente trasferimento degli equipaggi sulla base di Malpensa;
- altra notizia preoccupante è la strategia dell'attuale management di Meridiana che, tramite comunicati stampa, informa che la maggior parte dei voli per la Sardegna origineranno dallo scalo lombardo di Malpensa e non più dagli scali di Olbia e Cagliari;

considerato che tali interventi possono costituire un potenziale pericolo in termini di stabilità occupazionale per le maestranze e possono contestualmente rappresentare una ulteriore difficoltà per un territorio già in debito d'ossigeno e, inoltre, potremo trovarci di fronte a un ulteriore impoverimento dei trasporti da e per la Sardegna,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei trasporti per conoscere quali provvedimenti intendano adottare, con estrema urgenza, al fine di conoscere le reali intenzioni di Meridiana e per evitare che la nostra isola subisca per l'ennesima volta la dipartita di un'altra azienda con tutte le difficoltà che ne conseguirebbero, sia a livello occupazionale e sia a livello di trasporti, settore già in ginocchio da tempo ormai.

Cagliari, 6 dicembre 2016