CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

INTERROGAZIONE n. 945/A

INTERROGAZIONE LAI - COCCO Daniele Secondo, con richiesta di risposta scritta, sulla gara di appalto per l'affidamento del servizio di Realizzazione di banche dati catastali.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- il catasto rappresenta l'inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale e conserva le informazioni relative a individuazione, estensione, destinazione d'uso, grado di produttività del bene, possessori e titolari di altri diritti reali;
- il catasto è la base per le imposizioni fiscali ed ha come finalità:
- l'accertamento della proprietà immobiliare con la gestione delle sue mutazioni;
- la perequazione fiscale da attuare attraverso la determinazione per ciascuna particella di specifiche rendite che ne rappresentino le principali caratteristiche;
- nel tempo il catasto ha fornito una importante base cartografica per l'individuazione degli immobili nelle compravendite, nelle operazioni ipotecarie e nell'elaborazione degli strumenti urbanistici;
- il catasto fa capo all'Agenzia del territorio (AT), istituita con il decreto legislativo n. 300 del 1999, resa operativa dal 1° gennaio 2001 a seguito del decreto n. 1390 del 2000 del Ministero delle finanze, e ora incorporata nell'Agenzia delle entrate;

rimarcato che:
- con il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, che attribuisce ai comuni le funzioni relative alla conservazione, utilizzazione e aggiornamento degli atti del catasto terreni e del catasto edilizio urbano, nonché alla revisione degli estimi e del declassamento, inizia il processo di decentramento del catasto agli enti locali;
- tale processo di decentramento aveva lo scopo di migliorare l'integrazione tecnico-amministrativa tra comune e catasto, potenziare la conoscenza dei beni immobiliari e dei processi impositivi su di essi, nonché favorire il processo di allineamento tra informazioni catastali e comunali;
- la legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) all'articolo 1, comma 197, stabilisce che per l'esercizio di tutte o di parte delle funzioni catastali di cui al decreto legislativo n. 112 del 1998, è facoltà dei comuni di stipulare convenzioni soltanto con l'Agenzia del territorio;

visto che:
- ai fini del raggiungimento degli obiettivi fissati dalla legge nazionale in tema di decentramento delle funzioni catastali dallo stato ai comuni la Regione, in data 15 gennaio 2007, ha siglato con l'Agenzia del territorio un protocollo d'intesa che definisce le attività e le modalità operative per l'informatizzazione del catasto sul territorio sardo;
- la legge regionale 29 maggio 2007, n. 2 (legge finanziaria 2007), autorizza l'attivazione di un programma finalizzato all'informatizzazione, aggiornamento e verifica dei catasti attraverso progetti da attuarsi su tutto il territorio regionale, da realizzarsi mediante la concessione di contributi a favore dei comuni finalizzati all'informatizzazione dei catasti;
- con deliberazione n. 72/9 del 19 dicembre 2008 la Regione ha deliberato il trasferimento delle risorse in favore dei comuni singoli o associati e stabilito che i comuni, preliminarmente al trasferimento delle risorse, stipulino con la Regione un apposito protocollo di intesa che individui gli obblighi reciproci e le attività da porre in essere per il raggiungimento dell'obiettivo di decentramento catastale;

considerato che:
- con la deliberazione n. 72/9 del 2008 la Giunta regionale intendeva dare supporto ai comuni in previsione del decentramento e creare uno strumento con il quale gli enti locali potessero ottenere tutte le informazioni inerenti il territorio sotto i profili fiscale e urbanistico;
- per tale decentramento si rendeva necessario recuperare l'arretrato, onde allineare la banca dati e consentire l'aggiornamento del catasto in via telematica senza dovere ricorrere all'archivio cartaceo;

preso atto che:
- per rispondere a tale esigenza è stata indetta una gara di appalto, con la procedura della licitazione privata ai sensi del decreto legislativo n. 157 del 1995, e successive modifiche ed integrazioni, per l'affidamento del servizio di "Realizzazione di banche dati catastali", con importo a base d'asta di euro 2.000.000, avente come oggetto la vettorializzazione di tutti i fogli di mappe catastali in possesso dell'Agenzia del territorio e l'integrazione dei fogli, già realizzati dall'agenzia medesima, disponibili in formato numerico;
- il progetto è parte integrante di un programma che si pone due obiettivi principali:
a) creare una infrastruttura per l'interscambio di informazioni catastali e territoriali fra l'Agenzia del territorio e la Regione, e fra questa e gli enti locali;
b) sviluppare un ampio numero di servizi basati sull'informazione catastale e territoriale a cittadini ed imprese.
- il risultato finale è l'unificazione della gestione delle informazioni catastali con quelle territoriali - geografiche, prodotte dagli enti locali e da tutti gli enti pubblici in generale, in un sistema integrato;

assodato che l'appalto aveva come obiettivi:
1) la digitalizzazione in formato vettoriale delle mappe catastali stimate in circa 11.500 fogli e organizzate in un continuo territoriale regionale;
2) l'allineamento e collegamento della cartografia catastale con la banca dati censuaria;
3) la realizzazione di un modello sperimentale di allineamento e di esatta individuazione delle particelle catastali con specifica strumentazione tecnica, e una simulazione di un articolato normativo;

preso atto che:
- allo stato attuale risulterebbe che una parte degli obiettivi, in particolare il punto 2) riguardante l'allineamento e il collegamento della cartografia catastale con la banca dati censuaria, siano stati parzialmente raggiunti con altri mezzi distinti da quelli messi in campo dalla società appaltante;
- risulterebbe in particolare che l'Agenzia per soddisfare il punto 2) stia utilizzando risorse interne, come parrebbe certificato dal documento pubblico "Obiettivi Agenzia 2014",

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale degli enti locali, finanze e urbanistica per sapere:
1) quale sia la situazione attuale e quali obiettivi siano stati raggiunti;
2) se risulti che alcuni obiettivi fissati dal capitolato d'appalto non siano stati raggiunti;
3) quali siano, eventualmente, le ragioni di tale mancato raggiungimento.

Cagliari, 22 dicembre 2016