CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

Mozione n. 51

MOZIONE BUSIA - DESINI - ARBAU - AZARA - LEDDA - PERRA - SALE - CHERCHI Augusto - MANCA Pier Mario - USULA - ZEDDA Paolo Flavio - AGUS - COCCO Daniele Secondo - LAI - PIZZUTO - UNALI sulla necessità di intervenire urgentemente per salvaguardare e potenziare la sede della motorizzazione civile di Nuoro ed evitarne la chiusura, con richiesta di convocazione straordinaria del Consiglio ai sensi dei commi 2 e 3 dell'articolo 54 del Regolamento.

***************

IL CONSIGLIO REGIONALE

PREMESSO che:
- è in atto una forte riduzione degli organici della Motorizzazione civile di Nuoro che porterà gli uffici, entro la fine di quest'anno, ad assicurare il servizio con appena sette dipendenti;
- gli organici sono stati progressivamente ridotti tanto da far pensare alla prossima chiusura della sede e al trasferimento delle competenze alle sedi di Oristano, Sassari e Cagliari;
- attualmente la Motorizzazione civile di Nuoro serve tutta la provincia statale compresi i territori dell'Ogliastra, dell'alto Oristanese e parte della Gallura, per cui un'eventuale chiusura della sede creerebbe non solo forti disagi per i cittadini, ma un'ulteriore aggravamento della crisi economica che ha colpito e colpisce questo particolare territorio dell'entroterra sardo;
- il territorio nuorese ha già subito la chiusura della sede della Banca d'Italia, il trasferimento degli uffici della Telecom, lo smistamento della corrispondenza da parte delle Poste la cui competenza è stata demandata alla sede di Cagliari, l'accorpamento degli uffici del tesoro, la chiusura del tribunale di Macomer e di diversi uffici del giudice di pace e il dislocamento di diversi dipartimenti universitari presso la sede di Cagliari;
- attualmente, la motorizzazione nuorese riceve giornalmente 300 pratiche per patenti, 300 per foglio rosa, 350 revisioni la settimana, 100 esami di guida per patenti A e B e 20 per patenti professionali e circa 600 immatricolazioni la settimana;
- la riduzione dell'organico ha già comportato molteplici disagi, tenuto conto che l'ufficio immatricolazioni apre solo due volte la settimana e per le revisioni ed i collaudi dei mezzi pesanti c'è una lista d'attesa di almeno sette mesi, con evidenti problemi legati alla sicurezza di questi mezzi;
- la paventata chiusura della sede della Motorizzazione civile di Nuoro comporterà un aggravio dei costi per le tante aziende di trasporti, per le autoscuole, per le agenzie automobilistiche, per gli utenti che, oltre a dover sostenere costi elevati per recarsi presso altri uffici dislocati sull'isola per il disbrigo delle pratiche, si troveranno a dover fare i conti con difficili spostamenti a causa di una rete infrastrutturale, stradale e ferroviaria decisamente insufficiente e obsoleta;
- con l'interrogazione n. 4-04413 presentata dall'On.le Capelli l'8 aprile 2014 è già stato investito della questione il Ministro competente;

CONSIDERATO che:
- quanto premesso finirà inevitabilmente per isolare ancora di più un territorio e una provincia che già costringe i giovani a fuggire in altre località dell'Isola, della penisola o all'estero;
- per impedire l'ulteriore indebolimento della sede nuorese si potrebbe concedere, a diversi lavoratori di altre amministrazioni, la mobilità volontaria, richiesta con istanze presentate al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e mai prese in considerazione;
- è stata già presentata in Consiglio regionale una proposta di legge concernente il trasferimento alla Regione delle competenze in materia di Motorizzazione civile,

impegna il Presidente della Regione e la Giunta regionale

a porre in essere presso il Governo nazionale, nelle more dell'approvazione della legge concernente il trasferimento alla Regione delle competenze in materia di Motorizzazione civile, tutte le iniziative utili per salvaguardare e potenziare la sede della Motorizzazione civile di Nuoro.

Cagliari, 10 luglio 2014