CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

Mozione n. 144

MOZIONE DEDONI - COSSA - CRISPONI sul trasferimento delle strade statali alla Regione.

***************

IL CONSIGLIO REGIONALE

RICHIAMATA la legge 15 marzo 1997, n. 59, recante "Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni e agli enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa";

RICHIAMATO, ancora, il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, recante "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della legge n. 59 del 1997";

VISTI:
- in particolare, gli articoli 10, 99 e 101 del decreto legislativo n. 112 del 1998;
- il decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 461, recante "Individuazione della rete autostradale e stradale nazionale, a norma dell'articolo 98, comma 2, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112";
- il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 febbraio 2000, con il quale è stata individuata la rete stradale regionale e, in particolare, l'articolo 10;

CONSIDERATO l'accordo quadro generale sancito, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e dell'articolo 7 del decreto legislativo n. 112 del 1998, dalla Conferenza unificata il 22 aprile 1999, come successivamente modificato e integrato;

ATTESO che l'articolo 117 della Costituzione ha ricondotto le grandi reti di trasporto e di navigazione tra le materie la cui potestà legislativa è esercitata tra lo Stato e le regioni;

VISTI l'articolo 56 dello Statuto della Regione autonoma della Sardegna e il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 ottobre 2014;

ATTESO che la Regione non ha ancora dato seguito alle disposizioni previste dal decreto legislativo n. 112 del 1998 e dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 21 febbraio 2000,

impegna il Presidente della Regione e la Giunta regionale

1) attraverso i propri rappresentati eletti in seno alla Commissione paritetica Stato-Regione di cui all'articolo 56 dello Statuto della Sardegna, a sensibilizzare la stessa Commissione affinché individui il patrimonio viario e ogni bene accessorio connesso e costituito dall'attuale rete viaria nazionale, dalla rete viaria regionale, la cui proprietà e gestione non è mai stata trasferita alla Regione autonoma della Sardegna, in attuazione del decreto legislativo n. 112 del 1998 e del decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 461, risultanti ancora di proprietà dello Stato e affidata alla competenza gestionale dell'ANAS.
2) a stabilire, in sede di stipula dell'accordo Stato-Regione, i criteri di assegnazione del patrimonio viario e le adeguate risorse finanziarie, umane, strumentali e organizzative necessarie e connesse all'effettivo esercizio delle funzioni e competenze da parte della Regione.

Cagliari, 6 maggio 2015