CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA
XV LEGISLATURA

Mozione n. 188

MOZIONE PERU - ZEDDA Alessandra - PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - RANDAZZO - TEDDE - TOCCO - TUNIS sul mancato utilizzo dei fondi destinati alla realizzazione di alberghi diffusi, previsti dalla regionale 9 marzo 2015, n. 5 (legge finanziaria 2015).

***************

IL CONSIGLIO REGIONALE

PREMESSO che:
- la legge regionale 9 marzo 2015, n. 5 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione (legge finanziaria 2015), al comma 3 dell'art. 20 (Interventi a favore dei settori dell'artigianato, turismo, commercio e dei siti inclusi nel Parco geominerario della Sardegna) prevede che "al fine di sviluppare un'offerta turistica identitaria integrata con le produzioni locali e la valorizzazione del territorio a fini turistico-ricettivi, la Giunta regionale predispone un programma di finanziamento a favore degli enti locali attraverso l'utilizzo delle risorse europee, nazionali e regionali, per la realizzazione di alberghi diffusi e/o ospitalità diffusa attraverso il recupero e la riqualificazione degli immobili situati nelle zone omogenee A. Per le finalità di cui al presente comma è autorizzata, per l'anno 2015, la spesa di euro 2.000.000 (UPB S06.02.003)";
- integrando la spesa autorizzata dalla legge regionale n. 5 del 2015 con ulteriori finanziamenti dai fondi europei della programmazione 2014-2020, si potrebbe raggiungere una disponibilità complessiva pari a dodici milioni di euro per la realizzazione di alberghi diffusi e/o ospitalità diffusa attraverso il recupero e la riqualificazione degli immobili;

RILEVATO che l'Amministrazione regionale, a tutt'oggi, non ha ancora avviato alcun procedimento che permettesse di impegnare gli stanziamenti iscritti in bilancio e previsti dalla legge regionale n. 5 del 2015;

CONSIDERATO che l'albergo diffuso è un modello turistico che produce sviluppo senza consumare ulteriori porzioni di territorio, perché prevede la riqualificazione del patrimonio esistente;

RITENUTO che:
- il modello dell'albergo diffuso possa concorrere alla modernizzazione dell'offerta turistica contribuendo all'allungamento della stagione, alla riqualificazione dei centri storici e all'attenuazione del fenomeno dello spopolamento dei territori;
- un sistema turistico di ospitalità che punti sulla qualità della vita, sul patrimonio ambientale, culturale e paesaggistico, sulla filiera agroalimentare e sulla dimensione delle nostre comunità a misura d'uomo possa permettere lo sviluppo di nuove opportunità occupazionali per le nuove generazioni;
- il settore turistico in Sardegna abbia bisogno di recuperare competitività rispetto alla concorrenza di altri territori;
- sia indispensabile procedere immediatamente alla predisposizione dei bandi per l'avvio delle procedure di assegnazione dei fondi in bilancio;
- all'interno del programma operativo, nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione" del POR Sardegna 2014-2020", debba essere individuato un intervento per la realizzazione di alberghi diffusi e/o ospitalità diffusa attraverso il recupero e la riqualificazione degli immobili,

impegna il Presidente della Regione,
la Giunta regionale e l'Assessore regionale del turismo, artigianato e commercio

1) a garantire l'immediato avvio del procedimento amministrativo che garantisca di impegnare lo stanziamento previsto dalla legge regionale n. 5 del 2015 per la realizzazione di alberghi diffusi e/o ospitalità diffusa, attraverso il recupero e la riqualificazione degli immobili situati nelle zone omogenee A;
2) a farsi carico di programmare, all'interno di uno degli assi prioritari del POR Sardegna 2014-2020, un intervento per la realizzazione di alberghi diffusi e/o ospitalità diffusa la cui specificità è totalmente conforme con le linee di indirizzo strategico del POR approvate dalla Giunta regionale.

Cagliari, 21 ottobre 2015