CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 129/C4

MELONI sul mancato ripristino della viabilità sulla strada provinciale n. 38 Olbia-Tempio, danneggiata a seguito degli eventi alluvionali del novembre 2013.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- com'è noto, durante l'alluvione del novembre 2013, la strada provinciale n. 38, che collega Olbia con Tempio, è stata gravemente danneggiata, in particolare, nella località di Monte Pinu, dove, a causa del cedimento dei rilevati, sono, purtroppo, state registrate anche tre vittime;
- a causa di tale evento, le città di Olbia e di Tempio, le principali della Gallura, sono collegate, da ben 18 mesi, da una viabilità provvisoria che bypassa il tratto interrotto, molto più lunga in termini di chilometri e tempi di percorrenza e nota per la sua tortuosità e oggettiva pericolosità;
- il ripristino della viabilità, anche relativamente alla citata strada provinciale n. 38, è stato affidato all'ANAS, quale soggetto attuatore, e l'Amministratore delegato pro tempore, l'ing. Pietro Ciucci, è stato nominato commissario delegato con poteri derogatori finalizzati alla contrazione dei tempi di realizzazione dei ripristini;
- per la realizzazione degli interventi sulla strada provinciale n. 38, sono stati stanziati circa 10,5 milioni di euro e, nel mese di agosto del 2014, è stata bandita la gara d'appalto;
- tuttavia, a seguito di più approfonditi rilievi tecnici, sia l'Amministrazione provinciale di Olbia-Tempio, sia l'Amministrazione regionale, hanno ritenuto necessario procedere a una rivisitazione più generale, in termini di sicurezza, dell'intera strada, prevedendo interventi di manutenzione straordinaria anche in alcuni tratti apparentemente non danneggiati dall'alluvione, ma che presenterebbero evidenti indizi di pericolosità;
- ciò ha, evidentemente, comportato la rideterminazione dei costi previsti e, nelle more del reperimento dell'ulteriore finanziamento necessario, stimato in 15-17 milioni di euro, è stata sospesa la procedura di affidamento già avviata dal commissario;

Considerato che l'impossibilità di poter utilizzare la strada costringe a percorrere i lunghi e tortuosi percorsi alternativi di cui in premessa, creando grave disagio agli utenti, ivi compresi coloro, giudici, avvocati, personale dipendente e cittadini interessati che, quotidianamente, debbono raggiungere il tribunale di Tempio Pausania, nonché determinando danni rilevanti alle attività economiche che sopravvivono proprio grazie al passaggio attraverso la località Monte Pinu,

chiede di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere:
1) quali azioni abbiano intrapreso o intendano intraprendere al fine di reperire il finanziamento integrativo necessario;
2) se, reperito il finanziamento integrativo, abbiano valutato l'opportunità e verificato la possibilità di attuare l'intera opera attraverso il commissario delegato che, avvalendosi dei propri poteri straordinari, peraltro di prossima scadenza, possa porre in essere le procedure acceleratorie necessarie per giungere in tempi rapidi e accettabili alla sistemazione completa della strada.

Cagliari, 6 maggio 2015