CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 150/A

LAI - AGUS - COCCO Daniele Secondo - PIZZUTO, sul piano di riordino e riorganizzazione di alcune sedi territoriali dell'INPS.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- l'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) è il principale ente previdenziale del sistema pensionistico pubblico italiano, sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali;
- lo stesso nasce e svolge la sua attività con lo scopo precipuo di tutelare fasce deboli della popolazione, tramite l'erogazione di pensioni e altre prestazioni previdenziali;
- tale funzione fa sì che l'utenza sia in maggioranza compresa tra le fasce più anziane della popolazione o altre categorie sociali che necessitano dell'intervento previdenziale per compensare carenze di tipo economico;

considerato che:
- sulla base delle politiche di "spending review" è programmato il ridimensionamento di alcune agenzie della Provincia di Cagliari;
- tale scelta è giustificata con l'esigenza di contenere i costi di gestione delle strutture;
- le agenzie esposte sono quelle di Sant'Elia, Mulinu Becciu, Pirri, Giba, Isili e Senorbì;
- la finalità dichiarata è in sé meritoria e degna di attenzione, ma allo stesso tempo non risulta suffragata da elementi che ne giustifichino la economicità e sostenibilità complessiva;

preso atto che:
- le conseguenze negative della chiusura comporterebbe la perdita di un importante servizio sociale a danno di tantissimi cittadini che, per usufruire delle prestazioni INPS, dovrebbero recarsi in sedi più distanti e disagiate, con un aumento di costi e disagi a danno degli stessi, per lo più appartenenti alle fasce più deboli per età e condizione economico-sociale;
- la chiusura ricadrebbe negativamente su territori già provati sia per la dislocazione geografica che per la condizione di precarietà economica generale, privando alcuni di loro di uno dei pochi presidi pubblici e rendendo ancor più difficile la fruizione dei servizi considerata la precarietà dei collegamenti stradali e ferroviari;
- tale atto avrebbe inoltre un impatto negativo sul livello occupazionale;

considerato, altresì, che, a fronte di tanti disagi e diseconomie complessive, non risultano aspetti positivi per i territori citati,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale per sapere:
1) se sia a conoscenza dei piani di riordino e riorganizzazione dell'INPS per quanto riguarda la provincia di Cagliari;
2) come intende impegnarsi presso il Governo e l'INPS regionale per la rivalutazione del piano di ridimensionamento/chiusura delle Agenzie di Sant'Elia, Mulinu Becciu, Pirri, Giba, Isili e Senorbì, che comporterebbe gravi disagi per le popolazioni dei territori già colpite da forti difficoltà.

Cagliari, 9 settembre 2015