CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 161/C2

CRISPONI sulla situazione del Consorzio per la pubblica lettura "Satta" di Nuoro.

***************

Il sottoscritto,

premesso che il Consorzio per la pubblica lettura "Satta" di Nuoro venne istituito dalla Amministrazione provinciale e dal Comune di Nuoro il 28 dicembre 1948 ai sensi della legge n. 393 del 1941, quale presidio culturale fondamentale per l'accesso alla conoscenza e al mondo dell'informazione;

valutato che il Consorzio svolge un servizio irrinunciabile rivolto ad utenti, biblioteche, enti, scuole e associazioni attraverso le molteplici sezioni in cui esso è organizzato: prestito librario, animazione e promozione della lettura, formazione, consulenza tecnica, produzione editoriale, organizzazione di laboratori e seminari;

rilevato che il Consorzio "Satta" ha nel tempo creato un efficace sistema bibliotecario territoriale che si estende in ben 29 comuni ricadenti nel territorio del Nuorese e delle Baronie, svolgendo una puntuale attività di ricerca e con ciò rappresentando un autentico punto di riferimento per studiosi, intellettuali e giovani studenti;

considerato che lo stesso consorzio è dotato di un considerevole patrimonio formato da beni librari, documentali e multimediali che viene quotidianamente messo a disposizione degli utenti grazie al professionale e appassionato servizio reso dai 18 dipendenti;

tenuto conto che tali attività mantengono vivo lo spessore culturale e identitario della città di Nuoro e del suo territorio proprio nella delicata fase storica in cui chiudono e retrocedono i presidi istituzionali nazionali, mortificando in tal modo un'area già particolarmente indebolita e che mostra preoccupanti segni di vulnerabilità socio-culturale;

appreso che il Consorzio "Satta", attualmente retto da un commissario, si dibatte in una gravissima crisi finanziaria che mina le possibilità di sopravvivenza di tale importante presidio culturale, anche alla luce della consaputa crisi finanziaria del Comune di Nuoro e della contestuale situazione della Amministrazione provinciale coinvolta nei riassetti delle autonomie locali in discussione presso il Consiglio regionale,

chiede di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere se:
1) siano a conoscenza di quanto su esposto;
2) non ritengano di dover immediatamente intervenire per adottare tutte le opportune iniziative a tutela e salvaguardia di tale prestigioso presidio culturale e dei suoi lavoratori;
3) non ritengano di dover assicurare la immediata stabilizzazione economica del Consorzio "Satta" e la sua conseguente riorganizzazione istituzionale, anche attraverso la diretta partecipazione della stessa Amministrazione regionale.

Cagliari, 15 ottobre 2015