CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 26/A

OPPI - RUBIU - PINNA Giuseppino - TATTI sugli intendimenti della Giunta regionale circa la ventilata creazione di un centro di ricerca superiore a Olbia.(Discussa il 05/08/2014)

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- la stampa isolana riporta insistentemente la notizia di un possibile investimento estero da parte di fondi istituzionali dell'Emirato del Quatar per la creazione a Olbia di un centro di ricerca sanitaria superiore sulla base del progetto intrapreso a suo tempo dalla Fondazione San Raffaele del Monte Tabor;
- eccezion fatta per le interviste rilasciate dai probabili investitori e dal Presidente della Regione, il Consiglio regionale non è stato ancora messo a conoscenza dello stato dell'arte, dei reali contorni politici e programmatici e, soprattutto, delle concrete modalità operative di un simile intervento;
- durante le dichiarazioni programmatiche, il Presidente della Regione si è formalmente impegnato a considerare il Consiglio regionale il naturale riferimento della propria azione politica;
- la Regione è attualmente priva dello strumento normativo e regolativo del comparto sanitario e attende il nuovo Piano sanitario regionale;
- alla base del citato piano d'intervento della Fondazione San Raffaele si faceva riferimento alla riduzione della mobilità interregionale per cure ad alta specialità;
- il numero complessivo dei posti letto nella regione non è ampliabile,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) quali siano i progetti presentati dagli investitori stranieri, in che termini l'investimento sarà realizzato, in quali tempi, con l'apertura di quali reparti e di quali specialità, con quali garanzie di sovrapposizione per le strutture pubbliche e, nello specifico, per l'ospedale di Olbia e se sia previsto un piano volto alla riduzione consistente della mobilità sanitaria interregionale;
2) se siano previsti investimenti o spese di denaro pubblico, sia di competenza regionale che nazionale;
3) se vengano "tagliati" posti letto in altre strutture sanitarie dell'isola per creare lo spazio per il nuovo centro di ricerca e cura ospedaliera;
4) se il Presidente della Regione ritenga di confermare le proprie dichiarazioni programmatiche nella parte in cui pone il Consiglio regionale come centro del confronto della propria attività esecutiva;
5) come e se ritenga opportuno coinvolgere attivamente e continuamente tutte le espressioni politiche del Consiglio per un progetto di tale impatto socio-economico.

Cagliari, 10 giugno 2014