CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 313/A

GAIA - ZANCHETTA sul Regolamento di organizzazione degli uffici dell'Azienda regionale per l'edilizia abitativa (AREA), ormai approvato per la terza volta con delibera dell'amministratore unico n. 51 dell'8 giugno 2017, e sul permanere delle gravi criticità già oggetto di numerosi rilievi da parte delle referenti organizzazioni sindacali e di interrogazione del Presidente della Commissione consiliare competente.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- risulta essere stato approvato per la terza volta, con delibera dell'amministratore unico n. 51 dell'8 giugno 2017, il Regolamento di organizzazione degli uffici dell'Azienda regionale per l'edilizia abitativa (AREA), senza che siano state sanate le gravi criticità segnalate, fin dalla prima approvazione del Regolamento di cui alla delibera n. 44 del 19 aprile 2017, da tutte le organizzazioni sindacali partecipanti alle fasi di discussione;
- le stesse organizzazioni sindacali hanno reiteratamente denunciato il mancato recepimento delle proposte di modifica degli articoli del citato Regolamento contrastanti con le normative regionali e nazionali che regolano la materia, in particolare con le previsioni afferenti l'organizzazione degli uffici e la disciplina del rapporto di lavoro di cui alla legge regionale n. 31 del 1998, richiamata peraltro dal nuovo Statuto di AREA;

evidenziato che:
- il 9 maggio c.a. è stata presentata in Consiglio regionale l'interrogazione n. 1101/A, a firma Agus e Busia, volta ad avere informazioni in merito agli intendimenti circa l'esercizio del controllo preventivo della Giunta regionale riguardo le criticità già rilevate nel Regolamento in sede di prima approvazione;
- all'interrogazione citata, che si richiama integralmente, non è a tutt'oggi pervenuta risposta e il Regolamento così come riapprovato si presta all'introduzione di istituti contrari alle vigenti normative in materia di personale e organizzazione degli uffici;

rilevato che:
- in sede di controllo del Regolamento di cui alla citata delibera n. 44, l'Assessore regionale degli affari generali, personale e riforma della Regione con nota del 16 maggio 2017 trasmessa all'Amministratore unico e alla Direzione Generale di AREA segnala la mancata applicazione della legge regionale n. 31 del 1998 per quanto concerne l'individuazione delle strutture organizzative, dell'organismo di valutazione (O.I.V.) e del codice di comportamento RAS (delibera di Giunta n.3/7 del 31 gennaio 20l4), 
espressamente esteso dall'art. 2 a tutto il sistema Regione;
- nel Regolamento di cui alla delibera n. 51 dell'Amministratore unico di AREA permangono le criticità evidenziate nella citata nota assessoriale, come peraltro sottolinea la nota sindacale del 19 giugno scorso che segnala le gravi discrepanze tra il codice di comportamento per il personale del sistema Regione e quello che il Regolamento detta per il personale di AREA;

chiedono di interpellare l'Assessore regionale degli affari generali, personale e riforma della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere:
1) quali siano le motivazioni per cui abbiano ritenuto di non sottoporre alla Giunta regionale proposta di annullamento del Regolamento AREA, anche alla luce delle ripetute denunce trasmesse dalle organizzazioni sindacali sulle numerose violazioni delle leggi regionali e dello Statuto AREA in esso rilevate;
2) se non ritengano necessario e indifferibile attivarsi per quanto di competenza per riaffermare la necessaria applicazione del codice di comportamento RAS al personale di AREA; 
3) quali urgenti provvedimenti intendano adottare al fine di scongiurare l'eventualità di atti e in particolare le attribuzioni di incarichi contra legem che AREA potrebbe porre in essere sulla base del Regolamento ormai esecutivo;
4) se non ritengano opportuno avviare nell'immediato tutte le iniziative utili ad evitare i prevedibili contenziosi conseguenti all'applicazione del Regolamento citato, con le pesanti ripercussioni sul bilancio regionale e sul bilancio di AREA.

Cagliari, 10 agosto 2017