CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 352/A

DEDONI sull'attività di prevenzione, di controllo e di lotta agli insetti nocivi per l'uomo, gli animali e le piante, di competenze dei Centri provinciali anti insetti (CPAI).

***************

Il sottoscritto,

premesso che i Centri provinciali anti insetti (CPAI) sono un servizio pubblico che svolge attività di prevenzione, di controllo e di lotta contro gli insetti nocivi per l'uomo, gli animali e le piante;

rilevato che il clima caldo umido dei mesi estivi e le temperature miti dei mesi invernali contribuiscono inoltre a creare ambienti favorevoli per lo sviluppo degli insetti molesti;

riconosciuto che la lotta agli insetti nocivi non può essere intesa come indiscriminata dispersione nell'ambiente di insetticidi e sostanze chimiche, ma deve essere svolta anche un'azione di prevenzione e sensibilizzazione della popolazione, di monitoraggio delle aree infestate, di risanamento dei focali di infestazione e di bonifica del territorio;

constatate le difficoltà evidenti nell'esercizio delle funzioni da parte dei centri provinciali antinsetti dovute alla complessa riorganizzazione degli enti intermedi ed alla carenza di personale in organico;

vista la deliberazione della Giunta regionale n. 33/30 del 4 luglio 2017, con cui sono state trasferite alle province le risorse in materia di controllo e lotta contro gli insetti nocivi e i parassiti dell'uomo, degli animali e delle piante e per la lotta ai roditori;

osservato che la su citata deliberazione dispone che le province trasmettano alla Regione il resoconto esaustivo degli interventi realizzati e della spesa collegata, comprensivo dell'analisi degli eventuali fabbisogni non soddisfatti dalle prestazioni erogate;

appreso che i CPAI non riescono a svolgere appieno la propria attività di prevenzione e lotta contro gli insetti e pertanto la situazione rischia di diventare pericolosa per l'uomo e gli animali;

considerato che nella Provincia di Oristano, in particolare, il controllo per contenere la pullulazione di insetti nocivi e parassiti dell'uomo, degli animali e delle piante risulta molto complesso ed oneroso a causa delle caratteristiche geomorfologiche del territorio, quali la grande estensione di raccolte d'acqua permanenti, semi-permanenti e temporanee, peri-stagnali e peri-lagunari, soprattutto nella parte costiera, le aree agricole con una fitta rete irrigua e di scolo a cielo aperto e sifoni con acque stagnanti, le aree coltivate a risaie, le tombinature stradali con acqua pressoché stagnante e giardini privati con svariate raccolte d'acqua,

chiede di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della difesa dell'ambiente per sapere:
1) se siano a conoscenza delle gravi difficoltà che i CPAI devono affrontare per lo svolgimento delle funzioni in materia di controllo e lotta contro gli insetti nocivi ed i parassiti dell'uomo, degli animali e delle piante;
2) se per l'anno 2018 siano state erogate le risorse destinate alle Province e se queste ultime abbiano ottemperato alla trasmissione del resoconto esaustivo sull'attività svolta, così come previsto dalla deliberazione della Giunta regionale n. 33/30 del 4 luglio 2017;
3) se non ritengano di dover immediatamente intervenire presso i CPAI perché provvedano, senza indugi, a realizzare tutti gli interventi sanitari e fitosanitari finalizzati alla tutela della salute pubblica e della tutela dell'ambiente.

Cagliari, 6 giugno 2018