CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 371/A

ZANCHETTA sul progressivo smantellamento del sistema sanitario di La Maddalena, che oggi costringe addirittura i malati di cancro agli insopportabili disagi di trasferimenti giornalieri all'ospedale di Olbia per effettuare la terapia oncologica.

***************

Il sottoscritto,

premesso che continua a peggiorare inesorabilmente la situazione al "Paolo Merlo" di La Maddalena, presidio ospedaliero nato il 24 maggio del 1970, dotato di 3 unità operative di degenza (Medicina generale, Ostetricia e ginecologia, Pediatria) e 7 unità di servizi (Anestesia e rianimazione, Dialisi, Laboratorio di analisi, Medicina fisica e riabilitativa, Radiologia, Pronto soccorso, Servizio di terapia iperbarica) che per quasi un cinquantennio ha garantito assistenza sanitaria alla comunità dell'arcipelago e alle decine di migliaia di turisti nel periodo estivo;

preso atto che carenze e inefficienze del reparto pediatrico, già segnalate nel recente periodo, sono ora sfociate nella sospensione del servizio di pediatria diurno e notturno, senza che alla popolazione utente sia stata fornita indicazione dei termini e delle motivazioni;

appreso che stessa sorte è stata riservata al servizio di oncologia del Paolo Merlo, "momentaneamente sospeso" senza neppure il necessario preavviso e l'auspicabile supporto informativo per gli utenti;

denunciato che i numerosi pazienti si son quindi visti improvvisamente interrompere la somministrazione della terapia oncologica che veniva effettuata nel presidio cittadino;

rimarcato che quest'ulteriore colpo infetto alla sanità maddalenina, costringe persone ammalate di cancro, in condizioni spesso molto gravi, a sottoporsi alla fatica e ai rischi di un percorso via mare e via terra, per oltre gli 80 km che dista l'ospedale di Olbia, per effettuare trattamenti terapeutici di per sé fortemente gravosi e debilitanti;

evidenziato che la sospensione di due servizi sanitari essenziali è giunta proprio nel periodo di maggior afflusso turistico, con il picco di problemi e disagi legati alle alte temperature e alla criticissima situazione dei trasporti e all'impercorribilità della rete stradale congestionata dal traffico,

chiede di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale per sapere:
1) se intendano ancora continuare a ignorare segnalazioni, timori, appelli e proteste sulle crescenti disfunzioni e inefficienze del sistema sanitario regionale che ormai provengono da tutti i territori, ma che inevitabilmente si fanno più allarmanti nelle aree disagiate e insulari dove è più difficoltoso e critico il trasferimento nei presidi ospedalieri di riferimento individuati dalla riorganizzazione della rete ospedaliera, peraltro totalmente disattesa nelle previsioni correttive e migliorative rispetto alle situazioni esistenti;
2) quali azioni e provvedimenti vogliano avviare con urgenza per l'immediato ripristino dei servizi di pediatria e di oncologia del Paolo Merlo di La Maddalena, per restituire ai pazienti il diritto alla salute nel rispetto della dignità della persona, principio fondamentale protetto dalla Costituzione, onde scongiurare che legittime censure politiche sfocino in pesanti proteste contro la politica sanitaria regionale.

Cagliari, 10 agosto 2018