CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interpellanza n. 382/A

DEDONI - MARRAS - COSSA - CRISPONI sulla realizzazione del "Museo e del Centro di documentazione della Sardegna giudicale", con sede a Oristano (parte storico-espositiva) e a Sanluri (centro di documentazione).

***************

I sottoscritti,

premesso che la Giunta regionale, con propria deliberazione n. 36/5 del 26 luglio 2005 "Piano di razionalizzazione e sviluppo - Sistema regionale dei musei", ha previsto, fra i nuovi musei di istituzione regionale, la realizzazione del "Museo e del Centro di documentazione della Sardegna giudicale", con sede a Oristano (parte storico-espositiva) e Sanluri (Centro di documentazione);

considerato che l'intervento era inserito dalla Regione nell'Accordo di programma quadro in materia di beni e attività culturali, siglato in data 30 settembre 2005, e nel III Atto integrativo all'Accordo di programma quadro in materia di beni culturali, siglato il 29 novembre 2007 con il quale veniva stanziata la somma di 1.000.000 di euro per la realizzazione e l'allestimento;

visto che in data 2 luglio 2008 è stato sottoscritto il protocollo d'intesa tra la Regione autonoma della Sardegna, la Provincia di Oristano, il Comune di Oristano e il Comune di Sanluri ai fini della realizzazione del cosiddetto museo giudicale;

constatato che con la deliberazione della Giunta regionale n. 19/26 del 14 maggio 2013 è stato istituito formalmente il "Museo e centro di documentazione regionale della Sardegna giudicale" e sono state previste come sedi per Oristano il Palazzo Arcais e per Sanluri l'edificio dell'ex Monte Granatico, restaurate con i fondi del progetto;

vista, inoltre, la deliberazione della Giunta regionale n. 38/11 del 6 agosto 2009, che ha rimodulato la dotazione finanziaria per la realizzazione del museo in 3.000.000 di euro;

tenuto conto che l'11 ottobre 2011, l'ATI, formata dalle società Unicity Spa e Promo Office, vincitrice della gara d'appalto per la realizzazione e l'allestimento del museo nelle due sedi, ha firmato il contratto presso l'Assessorato regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per un importo complessivo di 3 milioni e mezzo di euro;

evidenziato che la società ha lavorato con i suoi consulenti alla realizzazione del progetto di allestimento e dei contenuti scientifici storico-archeologici ed i reperti selezionati sono già a restauro presso il Centro di restauro e conservazione dei beni culturali di Li Punti, così come i testi del percorso espositivo sono stati preparati e consegnati (salvo la revisione finale);

appurato che il progetto grafico di allestimento è pronto e che sono anche state fatte le prove dei pannelli ed addirittura è stato scelto ed approvato in via preliminare il nome, l'acronimo e il logo del museo;

appreso che da quel momento tutto è fermo e che le due società dell'ATI parrebbero essere in difficoltà finanziarie, tanto che alcuni consulenti non sono stati pagati,

chiedono di interpellare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport per sapere:
1) per quali motivi, nonostante ripetute richieste dei rappresentanti degli Enti Locali coinvolti nel progetto, nulla ancora si sia mosso dallo stallo che si protrae ormai da 4 anni e nessuna soluzione pare presentarsi all'orizzonte, con la maggior parte dei finanziamenti dedicati al progetto fermi nelle casse della Regione;
2) quali siano le cause del mancato utilizzo delle due strutture di Palazzo Arcais a Oristano e dell'ex Monte Granatico a Sanluri, già restaurate e preparate con grossi finanziamenti regionali;
3) se non ritengano che la realizzazione dell'importante presidio culturale, volano per il turismo culturale di cui tanto si parla e poco si fa, darebbe lustro all'isola, fornirebbe finalmente un centro per lo studio della nostra gloriosa civiltà medievale giudicale e, soprattutto, offrirebbe numerose opportunità di occupazione e di indotto per le nostre comunità e per i giovani.

Cagliari, 8 novembre 2018