CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1017/A

DESINI - CONGIU - CHERCHI Augusto - MANCA Pier Mario - UNALI, con richiesta di risposta scritta, sul ritardo nello scorrimento delle graduatorie delle aziende sanitarie relative ai concorsi pubblici per l'assunzione a tempo indeterminato a causa delle deprecabili scelte portate avanti per anni dalla AOU e dalla ASL di Sassari nel reclutamento e nella gestione del personale e per effetto dell'articolo 16 della legge regionale n. 17 del 2016.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
- con la deliberazione n. 604 del 28 novembre 2011 il direttore generale dell'Azienda ospedaliero-universitaria (AOU) dì Sassari ha indetto il concorso pubblico per titoli ed esami per l'assunzione a tempo indeterminato di n. 15 assistenti amministrativi professionali - cat. C, il cui bando è stato pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Sardegna n. 2 del 7 gennaio 2012, parte terza, e nella Gazzetta ufficiale n. 4 del 17 gennaio 2012, IV serie;
- gli atti della commissione esaminatrice del concorso in questione e la relativa graduatoria finale (che prevede un totale di centosei idonei) sono stati approvati con la deliberazione del Direttore generale della AOU n. 807 del 21 dicembre 2012;
- la AOU e l'Azienda sanitaria locale (ASL) di Sassari (in forza della convenzione tra le due aziende per il riconoscimento, a condizione di reciprocità, della facoltà di utilizzo delle rispettive graduatorie concorsuali per le assunzioni a tempo determinato o indeterminato di personale dirigente e del comparto sanità, approvata nel novembre 2008) hanno proceduto progressivamente all'assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato dei primi ottantuno candidati dalla graduatoria;
- la maggior parte degli idonei della graduatoria non assunti a tempo indeterminato è stata chiamata a stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato;
- parallelamente, con la deliberazione n. 603 del 28 novembre 2011 il direttore generale della AOU di Sassari ha indetto il concorso pubblico per titoli ed esami per l'assunzione a tempo indeterminato di n. 12 collaboratori amministrativi professionali - cat. D, il cui bando è stato pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Sardegna n. 2 del 17 gennaio 2012, parte terza, e nella Gazzetta ufficiale n. 4 del 17 gennaio 2012, IV serie;
- gli atti della Commissione esaminatrice del concorso in questione e la relativa graduatoria finale (che prevede un totale di 124 idonei) sono stati approvati con la deliberazione del Direttore generale della AOU n. 730 del 20 novembre 2012;
- con la deliberazione del Direttore generale della AOU n. 819 del 28 dicembre 2012 è stata disposta l'assunzione in servizio a tempo indeterminato dei dodici vincitori del concorso con decorrenza dal 31 dicembre 2012;
- alla data odierna risultano assunti a tempo indeterminato i primi sessantacinque idonei della graduatoria in questione, mentre gli idonei dai n. 66 al n. 77 si sono dovuti accontentare di un contratto di lavoro a tempo determinato;

rilevato:
- il ricorso sistematico, da parte della ASL e della AOU di Sassari, alla stipula di contratti di lavoro a tempo determinato sia in favore degli idonei delle due graduatorie che di soggetti esterni, contratti che, prorogati a più riprese, sono stati destinati a coprire quel fabbisogno ordinario di personale a cui dovrebbe, invece, correttamente sopperirsi attraverso la chiamata dalle vigenti graduatorie per l'assunzione a tempo indeterminato;
- che ai numerosi contratti a tempo determinato si aggiunge il ricorso, fin troppo frequente, a forme contrattuali flessibili quali la collaborazione coordinata e continuativa e alla somministrazione di lavoro da parte delle agenzie interinali anche per assicurare lo svolgimento di ordinarie mansioni amministrative;
- infatti, che nella ASL (il cui ambito territoriale corrisponde oggi alla ASSL - Area socio-sanitaria locale) di Sassari si contano solo nel 2016 due interinali (il cui incarico è stato prorogato complessivamente per ben sei volte), nove collaboratori e almeno cinque lavoratori a tempo determinato con profilo amministrativo;
- che, a titolo esemplificativo, con la deliberazione n. 382 dell'11 maggio 2016, il commissario straordinario della ASL di Sassari ha disposto l'ennesima proroga al 31 dicembre 2016, del contratto con due assistenti amministrativi interinali assegnati al CUP, di fatto in servizio da due anni;
- che, ancora, il 28 dicembre 2016, con le deliberazioni del Direttore generale della ASL di Sassari n. 101 e n.102, sono stati ratificati i verbali delle commissioni esaminatrici relativi alle procedure comparative indette con la deliberazione del Commissario straordinario n. 887 del 31 agosto 2016, rispettivamente per l'attribuzione di un contratto di collaborazione coordinata e continuativa a un esperto dell'Area economìco-contabile (da destinare alla ASL di Sassari) e per l'attribuzione di tre contratti di collaborazione coordinata e continuativa a tre esperti Area analisi e sviluppo sistemi (uno dei quali da destinare alla ASL di Sassari e due da destinare alla AOU di Sassari) e si è contestualmente proceduto all'attribuzione dei relativi incarichi ai vincitori delle due procedure per il periodo di due anni e con possibilità di proroghe/rinnovi;
- che analogo discorso può essere fatto per la AOU di Sassari, che al 1° luglio 2016 annoverava tra le sue fila ben ventidue tra assistenti amministrativi e collaboratori amministrativi a tempo determinato;

considerato che:
- tale prassi determina una frustrazione dell'aspettativa degli idonei presenti nelle graduatorie delle aziende sanitarie ad essere assunti a tempo indeterminato, dato che di fatto i posti vacanti vengono coperti attraverso forme contrattuali alternative che dovrebbero, al contrario, essere riservate ad esigenze di carattere temporaneo ed eccezionale e avere una durata limitata, come prescritto dalla vigente normativa e dai regolamenti aziendali in materia;
- coloro i quali hanno superato un concorso pubblico e si trovano da anni in attesa di una chiamata, si vedono scavalcati da chi magari non aveva nemmeno superato le preselezioni concorsuali;
- lo stabile ricorso a contratti a tempo determinato, somministrazione di lavoro e co.co.co. per lo svolgimento di attività lavorativa ordinaria si pone anche in violazione del principio costituzionale dell'accesso al pubblico impiego mediante concorso pubblico e al connesso principio di buon andamento e di imparzialità del'amministrazione;
- siffatte scelte organizzative producono nuovi costi, connessi all'espletamento di procedure selettive ad hoc o al ricarico per le agenzie interinali;
- tale situazione ha indotto qualche mese fa la Federazione sindacati indipendenti (FSI) a scrivere all'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale, al Presidente della Commissione regionale sanità e ai commissari delle due aziende sanitarie sassaresi una lettera nella quale denunciava il massiccio ricorso alla somministrazione di lavoro, alle collaborazioni e ai contratti a tempo determinato e sollecitava l'adozione di provvedimenti urgenti al fine di consentire lo scorrimento delle graduatorie ancora aperte;

constatato che:
- a causa del ritardo delle aziende sassaresi nello scorrimento delle graduatorie per coprire i posti ancora vacanti, con l'istituzione dell'Azienda per la tutela della salute (ATS) la situazione per gli idonei in attesa della chiamata per l'assunzione a tempo indeterminato è notevolmente peggiorata;
- infatti, la legge regionale 27 luglio 2016, n. 17 (Istituzione dell'Azienda per la tutela della salute (ATS) e disposizioni di adeguamento dell'assetto istituzionale e organizzativo del servizio sanitario regionale. Modifiche alla legge regionale 28 luglio 2006, n. 10 (Tutela della salute e riordino del servizio sanitario della Sardegna. Abrogazione della legge regionale 26 gennaio 1995, n. 5) e alla legge regionale 17 novembre 2014, n. 23 (Norme urgenti per la riforma del sistema sanitario regionale), all'articolo 16 prevede l'incorporazione, dal 1° gennaio del corrente anno, delle aziende sanitarie locali da parte della ASL di Sassari, divenuta ATS, e dispone che, limitatamente al tempo necessario ad attivare le iniziative utili per l'avvio dei nuovi modelli organizzativi del personale previsti dalla medesima legge, l'operatività dei servizi della ATS venga garantita dagli assetti organizzativi delle aziende sanitarie locali oggetto di incorporazione;
- la legge prescrive che ai fini delle assunzioni in ciascuna area socio-sanitaria locale la ATS utilizzi in primis le graduatorie in essa vigenti fino alla loro scadenza naturale e, ove nell'area non siano presenti graduatorie valide, le graduatorie in vigore prioritariamente nelle aree contigue e quindi nelle altre aree, secondo l'ordine di approvazione;
- quindi, in virtù di siffatta disposizione, dal 1° gennaio 2017 le assunzioni da parte della ATS avvengono in prima battuta mediante attingimento dalle graduatorie delle incorporate aziende sanitarie locali e solo in via subordinata, qualora non vi siano graduatorie valide all'interno di tutte le articolazioni della ATS, utilizzando le graduatorie delle altre aziende sanitarie (ospedaliere e ospedaliero-universitarie) che abbiano perfezionato con le vecchie ASL una convenzione per il reciproco utilizzo delle rispettive graduatorie;
- la legge prevede, inoltre, che entro il 30 marzo 2017 l'ATS verifichi i requisiti normativi per la proroga dei contratti di lavoro a tempo determinato in essere al 1° gennaio 2017 e che, nelle more della verifica, detti contratti siano automaticamente prorogati e il Direttore generale della Sanità con la nota prot. n. 32793 del 20 dicembre 2016 ha precisato che anche i contratti a tempo determinato in scadenza prima del 31 dicembre 2016, ove ricorrano i presupposti normativi, possono essere prorogati non oltre il 31 marzo 2017 al fine di consentire la verifica di cui all'articolo 16;
- conseguentemente, con la deliberazione n. 185 del 30 dicembre 2016 il Direttore generale della ASL di Sassari ha disposto la proroga al mese di marzo 2017 a favore dei soggetti titolari di un contratto a tempo determinato in scadenza al 31 dicembre 2016 al fine di garantire la continuità dell'attività esplicata nell'ambito delle strutture interessate;
- alla luce delle disposizioni della legge regionale n. 17 del 2016, all'interno dell'ATS le assunzioni a tempo indeterminato, attualmente bloccate nelle more della valutazione del fabbisogno di personale e dell'adozione dell'atto aziendale, saranno possibili in prima battuta solo mediante utilizzo delle graduatorie delle vecchie ASL, a discapito degli idonei delle graduatorie delle aziende ospedaliere e ospedaliero- universitarie;

considerato che ciò diminuisce ulteriormente e sensibilmente le possibilità per gli idonei delle graduatorie delle aziende ospedaliere e ospedaliero-universitarie, con particolare riferimento alle graduatorie della AOU di Sassari per assistenti amministrativi cat. C e per collaboratori amministrativi cat. D, di essere assunti a tempo indeterminato prima della scadenza delle graduatorie stesse;

ritenuto necessario, per le sopra esposte considerazioni, che le aziende sanitarie della Sardegna abbandonino l'abitudine di ricorrere ai contratti a tempo determinato e alle altre forme contrattuali flessibili per soddisfare esigenze di carattere ordinario e che la ATS, previa celere definizione del proprio fabbisogno di personale, proceda con urgenza a coprire i posti vacanti in organico mediante assunzione a tempo indeterminato tramite scorrimento delle graduatorie valide presenti al proprio interno e, in seconda battuta, delle graduatorie delle aziende ospedaliere e ospedaliero-universitarie;

considerato, infine, che l'efficacia delle graduatorie risulta prorogata per effetto dell'articolo 16 della legge regionale n. 17 del 2016, in conformità all'articolo 4 del decreto legge 31 agosto 2013, n. 101, come modificato in sede di conversione dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125 e successivamente dall'articolo 1, comma 368, della legge 11 dicembre 2016, n. 232,

chiedono di interrogare l'Assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale:
1) sulle ragioni del ricorso sistematico nel corso degli ultimi anni, da parte dell'ASL e dell'AOU di Sassari, ai contratti a tempo determinato, ai co.co.co. e alla somministrazione di lavoro nonché alla proroga reiterata di tali contratti per soddisfare esigenze lavorative di carattere ordinario, in luogo dello scorrimento delle graduatorie valide dei concorsi pubblici a tempo indeterminato;
2) al fine di conoscere quali forme di tutela intenda apprestare per gli idonei iscritti nelle graduatorie delle aziende sanitarie e, in particolare, per gli idonei delle graduatorie del 2012 per assistenti amministrativi (cat. C) e per collaboratori amministrativi (cat. D) della AOU di Sassari i quali, a causa delle deprecabili scelte pervicacemente portate avanti per anni dalle aziende sanitarie nel reclutamento e nella gestione del personale e per effetto dell'articolo 16 della legge regionale n. 17 del 2016, rischiano di veder svanire definitivamente tra pochi mesi la possibilità di essere assunti a tempo indeterminato.

Cagliari, 1° marzo 2017