CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1032/A

MELONI, con richiesta di risposta scritta, sulla situazione di degrado e pericolosità in cui versano le strade dell'ex provincia di Olbia-Tempio, sulle quali transiterà il Giro d'Italia.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- come noto, i giorni 5, 6 e 7 maggio 2017, si svolgerà in Sardegna il Giro d'Italia, la più importante manifestazione ciclistica nazionale, che prevede la partenza della prima tappa da Alghero con arrivo a Olbia, per proseguire il giorno successivo verso il Nuorese e l'Ogliastra;
- l'evento, di portata internazionale, verrà trasmesso dalle televisioni di tutto il mondo e rappresenta una straordinaria vetrina per far conoscere la nostra isola;
- occorre tuttavia sottolineare che le strade sulle quali transiteranno i ciclisti in gara, in particolare le provinciali n. 90 e n. 24 e la strada statale n. 389, parrebbero non in ordine con la manutenzione e, in alcuni casi, potrebbero anche rappresentare un pericolo per la sicurezza degli stessi atleti che parteciperanno al giro;

considerato che:
- sarebbe un pessimo biglietto da visita per la nostra isola l'eventualità che, dalla vetrina di cui sopra, scaturisse l'immagine di un territorio degradato e abbandonato;
- questa situazione risulta solo maggiormente evidenziata dalla manifestazione internazionale della prossima primavera, ma persiste, ovviamente, anche durante gli altri periodi ed è dovere degli enti proprietari di quelle strade intervenire per garantire, quantomeno, i livelli minimi di sicurezza per gli utenti ordinari oltreché per i ciclisti della "corsa rosa";

atteso che il tempo a disposizione per porre in essere i necessari interventi risulta limitatissimo, anche per programmare e anticipare rispetto ai tempi "ordinari", l'attività di sfalcio dell'erba nelle cunette delle strade in parola,

chiede di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore regionale dei lavori pubblici per sapere se siano a conoscenza della situazione rappresentata e se sia intendimento della Giunta regionale intervenire con urgenza affinché vengano messi in campo gli interventi necessari a evitare che si possa verificare quanto paventato.

Cagliari, 9 marzo 2017