CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1037/A

INTERROGAZIONE USULA, con richiesta di risposta scritta, sulle recenti notizie di stampa relative alla realizzazione di un megaimpianto industriale termodinamico solare in località Gonnosfanadiga-Villacidro.

***************

Il sottoscritto,

premesso che:
- da recenti notizie riportate sui media locali si apprende che il Ministero dell'ambiente avrebbe espresso parere favorevole alla realizzazione di un megaimpianto termodinamico solare in località Gonnosfanadiga-Villacidro;
- tale parere arriva dopo quello negativo espresso precedentemente dal Ministero per i beni culturali con la conseguenza che, secondo la normativa vigente, la questione sarà rimessa alla Presidenza del Consiglio dei ministri;

premesso altresì che le notizie su riportate hanno da subito suscitato la mobilitazione e la reazione indignata delle comunità del territorio e la decisa ed espressa contrarietà di molte amministrazioni comunali, tra cui quella del Comune di Gonnosfanadiga;

considerato che:
- la richiesta di una potenza installata di 55 MW è uno smaccato espediente per superare nel merito le competenze regionali, trasferendole al livello nazionale e determinando pertanto un grave vulnus alle prerogative della Regione autonoma della Sardegna;
- la massima istituzione della Sardegna ha già avuto modo di esprimere in più occasioni la propria netta contrarietà a questo e ad altri progetti sostanzialmente analoghi, finalizzati a trasformare la Sardegna in una sorta di piattaforma energetica gestita da società e multinazionali straniere, con forti preoccupazioni in ordine al carattere prevalentemente speculativo dei medesimi progetti;
- in particolare, con la mozione n. 250/19, approvata in data 2 novembre 2016 "sull'opposizione alla realizzazione di un impianto termodinamico della potenza di 55 MW e denominato Flumini Mannu nei Comuni di Decimoputzu e Villasor e l'analogo megaimpianto industriale termodinamico solare di Gonnosfanadiga-Villacidro", questo Consiglio aveva impegnato la Giunta a "mettere in campo ogni azione per impedire la realizzazione dell'impianto solare termodinamico in agro dei Comuni di Decimoputzu e Villasor e di altri interventi di questo tipo già previsti, quali il mega-impianto industriale termodinamico di Gonnosfanadiga-Villacidro, che possono determinare sottrazione di territorio agricolo, in quanto speculativi e un danno alla Sardegna, per affermare i principi costituzionali dell'autonomia della Sardegna ed elevare la rappresentatività della società sarda e la capacità decisionale di questa Giunta regionale";

dato atto che l'eventuale approvazione del progetto in parola determinerebbe l'ennesimo avvio allo sfruttamento del territorio della Sardegna a fini puramente speculativi e si porrebbe in modo sostanzialmente inconciliabile con la volontà espressa dal Consiglio regionale e dagli stessi Assessorati competenti per materia,

chiede di interrogare il Presidente della Regione per sapere:
1) se sia a conoscenza delle notizie riportate dai media locali in ordine al progetto in oggetto è se esse corrispondano al vero;
2) quali azioni stia predisponendo la Giunta regionale al fine di dare compiutamente attuazione alla mozione n. 250/19 e conseguentemente al fine di impedire la realizzazione dell'impianto solare termodinamico in agro dei Comuni di Gonnosfanadiga-Villacidro e degli altri casi analoghi che possono determinare sottrazione di territorio agricolo, in quanto speculativi e un danno alla Sardegna, per affermare i principi costituzionali dell'autonomia della Sardegna ed elevare la rappresentatività della società sarda e la capacità decisionale di questa Giunta regionale.

Cagliari, 14 marzo 2017