CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1047/A

INTERROGAZIONE PISCEDDA - DERIU - MELONI - FORMA - TENDAS - SOLINAS Antonio - COMANDINI - COLLU - MORICONI - PINNA Rossella, con richiesta di risposta scritta, sulla mancata erogazione delle indennità di frequenza e di viaggio spettanti al giovani che hanno partecipato ai corsi di formazione nell'ambito del programma "Garanzia giovani Sardegna".

***************

I sottoscritti,

richiamato il Programma operativo nazionale per l'attuazione dell'iniziativa europea per l'occupazione dei giovani ("Garanzia giovani"), scaturito dalla raccomandazione del Consiglio del 22 aprile 2013 e dalla comunicazione della Commissione relativa alla Youth employment initiative, quale specifica iniziativa a favore dell'occupazione giovanile aperta a tutte le regioni con un livello di disoccupazione giovanile superiore al 25 per cento, programmato con l'obiettivo di istituire una "garanzia" per i giovani con meno di 25 anni comprendente un'offerta qualitativamente valida di lavoro, di proseguimento degli studi, di apprendistato o di tirocinio o altra misura di formazione entro quattro mesi dall'inizio della disoccupazione o dall'uscita dal sistema di istruzione formale;

visti:
- la deliberazione della Giunta regionale n. 13/13 dell'8 aprile 2014 con la quale è stata approvata la convenzione stipulata con il Ministero del lavoro relativa al Programma operativo nazionale per l'attuazione della iniziativa europea per l'occupazione dei giovani, e dato mandato al Direttore generale dell'Assessorato regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale per redigere il programma esecutivo regionale sulla base delle linee di indirizzo impartite e conformemente al piano finanziario del programma pari a complessivi euro 54.181.253 (comprensivi di cofinanziamento nazionale e quota a carico del Fondo sociale europeo), che prevedeva nello specifico uno stanziamento di euro 10.381.564 destinato alla formazione dei giovani;
- il Piano di attuazione regionale per il programma "Garanzia giovani" approvato con la determinazione n. 28589- 3793 del 17 luglio 2014 del Direttore generale dell'Assessorato regionale del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale, che prevede uno specifico stanziamento di euro 6.228.938,40 per la "Formazione mirata all'inserimento lavorativo";

considerato che:
- in attuazione dei sopra richiamati atti, è stato pubblicato a suo tempo apposito avviso pubblico per la costituzione del Catalogo unico dell'offerta formativa per i giovani che hanno aderito alla "Garanzia giovani Sardegna", approvato unitamente alla relativa modulistica con la determinazione n. 33831/4493/F.P. del 12 settembre 2014;
- con la determinazione n. 44185/5891/F.P. del 20 novembre 2014 è stato approvato il Catalogo unico dell'offerta formativa con l'elenco parziale dei percorsi formativi per i giovani che hanno aderito alla "Garanzia giovani" in Sardegna;
- con la determinazione n. 45004/5978/F.P. del 25 novembre 2014 è stato quindi approvato l'elenco di ulteriori corsi di formazione - Catalogo unico dell'offerta formativa definitivo, prima finestra per i giovani dai 18 ai 29 anni (e 364 giorni) d'età che hanno aderito alla "Garanzia giovani" in Sardegna, seguito dalla apertura della seconda finestra rivolta esclusivamente alle agenzie formative che non sono riuscite a presentare candidature nell'ambito della prima finestra, di cui alla determinazione n. 47377/6220/F.P. del 10 dicembre 2014;

dato atto che attraverso il Catalogo unico dell'offerta formativa la Regione ha reso disponibile, nell'ambito del programma "Garanzia giovani" in Sardegna, un'offerta formativa pubblica valida al fine di fornire ai giovani aderenti adeguate competenze per favorire il loro inserimento lavorativo;

accertato che per l'attuazione dell'avviso citato erano state stanziate risorse pari a euro 6.228.938,40, in conformità alla deliberazione della Giunta regionale n. 13/13 dell'8 aprile 2014, nelle more di eventuali ulteriori stanziamenti di risorse da reperire a valere sul POR FSE 2014-2020, obiettivo tematico 8, e previa deliberazione della Giunta regionale, come risulta dagli atti dirigenziali sopra richiamati;

rilevato che:
- l'avviso pubblico per la costituzione del Catalogo unico dell'offerta formativa, approvato con determinazione n. 33831/4493/F.P. del 12 settembre 2014, prevedeva le seguenti voci imputabili a costi reali:
- un'indennità di frequenza, pari a 2 euro ora/allievo, da corrispondere obbligatoriamente agli allievi partecipanti, da riconoscersi a condizione che il destinatario abbia frequentato l'80 per cento delle ore formative previste;
- un'indennità di viaggio obbligatoriamente concessa ai destinatari secondo quanto previsto dal vademecum per l'operatore 4.0, erogata, a conclusione del percorso, sulla base dei costi effettivamente sostenuti dal destinatario della misura;
- sulla base delle predette indicazioni, sono stati adottati gli atti conseguenti e sono state generate specifiche aspettative da parte dei beneficiari e dei destinatari coinvolti negli interventi in questione;

evidenziato che:
- successivamente all'avvio delle procedure sopra descritte, con la determinazione n. 2937/100/F.P. del 27 gennaio 2015, il Direttore del servizio della governance della formazione professionale dava atto che nella proposta di legge di bilancio approvata dalla Giunta regionale non erano stati previsti fondi regionali per la formazione professionale "mentre si riteneva di poterli utilizzare per il pagamento delle indennità di frequenza e di viaggio agli allievi previste dall'avviso in parola e non ricomprese nei costi standard ammissibili dal programma "Garanzia giovani", alla luce della accertata non ammissibilità di tali costi nell'ambito del piano finanziario del programma";
- con la determinazione di cui sopra, nelle more dell'acquisizione dei fondi regionali e della relativa assegnazione dei capitoli di spesa, fermo restando l'avvio dei corsi, veniva sospesa l'erogazione delle indennità di frequenza e delle indennità di viaggio spettanti ai giovani iscritti ai percorsi formativi, destinatari della misura in oggetto;

preso atto della mancata corresponsione, a distanza di più di due anni, delle indennità di cui sopra a favore dei giovani allievi che a suo tempo hanno aderito all'iniziativa regionale partecipando al corso di formazione ed acquisendo la relativa certificazione da parte delle agenzie formative convenzionate;

non essendo noti provvedimenti di revoca o annullamento delle originarie previsioni di cui all'avviso pubblico, in merito alle indennità di frequenza e di viaggio, successivi alla determinazione di sospensione dell'erogazione delle indennità, alla luce delle obbligazioni giuridiche in essere e alle aspettative dei soggetti coinvolti,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione e l'Assessore del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale al fine di conoscere le motivazioni del mancato pagamento di quanto previsto, le azioni intraprese e/o che si intende intraprendere per far fronte alla situazione sopra descritta.

Cagliari, 23 marzo 2017