CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1061/A

COSSA - DEDONI - CRISPONI, con richiesta di risposta scritta, sulla corresponsione dei contributi ai soggetti privati per i danni occorsi a seguito degli eventi alluvionali del novembre 2013.

***************

I sottoscritti,

premesso che nel novembre 2013 si sono verificati sul territorio della Regione eventi alluvionali di inaspettata gravità, tali da far dichiarare lo stato di emergenza;

considerato che sono state avviate le procedure per la ricognizione dei danni e dei fabbisogni conseguenti agli eventi meteorologici occorsi;

constatato che il Consiglio dei ministri, con deliberazione del 29 dicembre 2016, pubblicata in Gazzetta ufficiale in data 18 gennaio 2017, ha approvato la determinazione degli importi autorizzabili per l'effettiva attuazione dei finanziamenti agevolati in favore dei soggetti privati per i danni al patrimonio edilizio abitativo ed ai beni mobili;

rilevato che il sito della Regione alla pagina Sardegna Protezione Civile riporta la notizia che "In data 19 gennaio 2017 ai singoli comuni interessati sono stati trasmessi tutti i documenti utili e sono state fornite le modalità operative per la gestione del finanziamento" e specifica che "Ciascun comune dovrà comunicare a ogni beneficiario l'ammissione al contributo";

appreso che ad oggi i diretti interessati, residenti in 39 comuni dell'Isola, non hanno ricevuto alcuna comunicazione in merito all'approvazione del contributo spettante ed alle modalità per la riscossione delle somme dovute;

tenuto conto che i beneficiari attendono da tre anni e mezzo che si concludano le procedure e di poter avere ristoro dei danneggiamenti, per i quali hanno spesso anticipato le somme,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per sapere se:
1) sia a conoscenza di quanto su esposto;
2) non ritenga di dover immediatamente verificare quali siano le motivazioni della mancata informazione ai beneficiari dell'approvazione definitiva dei finanziamenti;
3) non ritenga di intervenire presso i comuni per accelerare le procedure e permettere agli interessati di ricevere quanto dovuto nel minor tempo possibile.

Cagliari, 4 aprile 2017