CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1083/A

CAPPELLACCI - PITTALIS - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - RANDAZZO - TEDDE - TOCCO - TUNIS - ZEDDA Alessandra, con richiesta di risposta scritta, sulle possibili conseguenze delle vicende societarie della compagnia aerea Alitalia per la continuità territoriale della Sardegna.

***************

I sottoscritti,

premesso che:
-    Alitalia va incontro ad una fase di amministrazione straordinaria che pone in uno scenario di incertezza il futuro della compagnia stessa, dei collegamenti e dei lavoratori;
-    nell'ottobre del 2013 la compagnia ha firmato una convenzione con la Regione autonoma della Sardegna per la continuità territoriale 1, finalizzata a collegare gli scali isolani di Cagliari e Alghero con gli scali di Roma e Milano.
-    se da un lato è preciso compito e interesse dell'amministrazione straordinaria mantenere il più possibile l'operatività del servizio al fine di garantire la continuità aziendale, dall'altro il diritto alla mobilità dei sardi e la continuità territoriale aerea non possono essere rimesse a dinamiche aleatorie, che rischiano di compromettere non solo i diritti dei passeggeri e gli interessi economici della Sardegna, ma anche quelli della Regione alle prestazioni dovute in base alla convenzione;
-    ciò vale, a maggior ragione, per i mesi estivi: in primo luogo perché rappresentano la stagione più attrattiva per le imprese turistiche; in secondo luogo perché il mancato rispetto della tariffa residenti e del "price cap" per i non residenti avrebbe conseguenze gravissime per l'economia della Sardegna; in terzo luogo, perché le notizie preoccupanti diramate dai media nazionali potrebbero indurre potenziali turisti a optare per altre mete;
-    le rassicurazioni a mezzo stampa dell'Assessore regionale dei trasporti, riportate dai media regionali, circa la possibilità di affidare in via urgente e senza gara le rotte ad altro vettore, non offrono nessuna garanzia in ordine alle rotte, alle frequenze, alle attuali condizioni contrattuali per i passeggeri, residenti in Sardegna e non;
-    eventuali riduzioni o sospensioni dei collegamenti si tradurrebbero in un sostanziale isolamento della Sardegna, potrebbero avere conseguenze drammatiche per l'occupazione, per l'impresa in Sardegna e limiterebbero la mobilità anche di chi ha necessità di viaggiare per ragioni di salute, lavoro e istruzione;
-    appare necessario, fin da ora, promuovere un'iniziativa politica, anche con il coinvolgimento del Governo, finalizzata a garantire il rispetto della convenzione sulla continuità territoriale sottoscritta con Alitalia, e far sì che tale aspetto sia prioritario nella dialettica tra l'esecutivo nazionale e l'azienda,

 
chiedono di interrogare il Presidente della Regione per conoscere quali iniziative intenda porre in essere al fine di garantire la piena operatività dei collegamenti aerei con Roma e Milano attualmente operati dalla compagnia aerea Alitalia.

Cagliari, 26 aprile 2017