CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

XVLegislatura

Interrogazione n. 1097/A

PITTALIS - CAPPELLACCI - CHERCHI Oscar - FASOLINO - LOCCI - PERU - RANDAZZO - TEDDE - TOCCO - TUNIS - ZEDDA Alessandra, con richiesta di risposta scritta, sul servizio del TG1 relativo al Giro d'Italia e ai commenti e alle immagini diffuse, lesive della dignità delle comunità delle zone interne e di Orune in particolare.

***************

I sottoscritti,

premesso che in occasione della tappa del Giro d'Italia in Sardegna, il TG1 ha aperto il servizio giornalistico mettendo in bell'evidenza i cartelli stradali di Orune sforacchiati a pallettoni, con le notizie dell'ultimo delitto di sangue del paese e richiamando il codice della vendetta barbaricina ed i murales di Orgosolo, che evocano fatti di sangue e vecchie storie di violenza;

rilevato che si tratta di una rappresentazione del tutto distorta, strumentale e non attinente alla manifestazione sportiva della quale è stato omesso, peraltro, il grande impegno organizzativo posto in essere anche dai comuni interessati, Orune compreso, e la calorosa accoglienza riservata alla manifestazione sportiva;

ritenuto che non è sufficiente chiedere le scuse pubbliche del direttore del TG1, posto che detto servizio, peraltro in palese violazione dell'articolo 12 (Doveri in tema di informazione sportiva) del codice deontologico dei giornalisti, che impone di "non utilizzare immagini ed espressioni violente o aggressive", ha creato un gravissimo danno di immagine alle comunità delle zone interne della Sardegna e ad Orune in particolare,

chiedono di interrogare il Presidente della Regione per conoscere quali iniziative intende assumere, nelle opportune sedi istituzionali, nei confronti della testata del TG1 a tutela dell'immagine e della dignità delle zone interne della Sardegna e della comunità Orunese in particolare, riservando, all'esito, la richiesta di convocazione urgente del Consiglio regionale per ogni opportuna ulteriore iniziativa a salvaguardia dei legittimi interessi delle popolazioni sarde interessate.

Cagliari, 9 maggio 2017